Sei in: Home » Guide Legali » Usufrutto » Obblighi dell'usufruttuario

Obblighi dell'usufruttuario

Usufrutto: indice della guida

La titolarità del diritto di usufrutto comporta, tra le altre cose, il dovere di pagare le imposte e i canoni e quello di usare la diligenza del buon padre di famiglia

I principali obblighi dell'usufruttuario

L'usufruttuario non gode solo di numerosi diritti ma è gravato anche da alcuni obblighi che deve rispettare nel corso della durata dell'usufrutto.

In particolare, i principali obblighi dell'usufruttuario ineriscono al dovere di mantenere la destinazione economica impressa alla cosa dal proprietario (ad esempio, l'usufruttuario non può compiere sul fondo lavori volti a trasformare un giardino in un frutteto, e viceversa) e quello di restituire la cosa, al termine dell'usufrutto, nello stato in cui si trova. 

Inventario e cauzione

Strettamente funzionali al rispetto dell'ultimo obbligo menzionato, sono altri due doveri che incombono sull'usufruttuario, salvo espressa dispensa: quello di fare a sue spese l'inventario dei beni e quello di prestare idonea cauzione per prendere possesso della cosa (v. art. 1002 c.c.).

Oneri economici 

Nel corso dell'esercizio del proprio diritto, che deve avvenire usando la diligenza del buon padre di famiglia, nel rispetto delle regole della tecnica, l'usufruttuario dovrà provvedere al pagamento delle imposte, dei canoni, delle rendite fondiarie e degli altri pesi annuali che gravano sulla cosa, nonché accollarsi le spese e gli oneri relativi alla custodia, all'amministrazione ed alla manutenzione ordinaria del bene (ad esempio la sostituzione o la verniciatura di porte o finestre, la tinteggiatura delle pareti o il ripristino delle coperture impermeabili dei terrazzi).

Spese ordinarie e straordinarie

Per quanto concerne la distinzione tra le spese di ordinaria amministrazione e quelle di straordinaria amministrazione (che, invece, competono al nudo proprietario), l'art. 1005 c.c. individua alcune delle principali riparazioni straordinarie, secondo un'elencazione che, comunque, non è affatto tassativa, secondo il costante orientamento giurisprudenziale. 

La norma citata le definisce come "quelle necessarie ad assicurare la stabilità dei muri maestri e delle volte, la sostituzione delle travi, il rinnovamento, per intero o per una parte notevole, dei tetti, solai, scale, argini, acquedotti, muri di sostegno e di cinta". Leggendo diverse massime della Suprema Corte, comunque, le riparazioni straordinarie possono essere identificate, più in generale, in quelle che non costituiscono effetto normale, a breve o a medio termine, dell'uso e del godimento della cosa, e consistono nella sostituzione o nel ripristino di parti essenziali della struttura della cosa, il cui costo risulta sproporzionato rispetto al reddito normale prodotto dalla cosa medesima.

Usurpazione e canone

Altri obblighi che spettano all'usufruttuario, infine, sono quelli relativi, da un lato, alla denuncia al proprietario delle eventuali usurpazioni commesse da terzi sul fondo e, dall'altro lato, al pagamento di un canone periodico in favore del proprietario, se previsto nell'atto costitutivo.

Aggiornamento: Marzo 2017

Print Friendly and PDF
Newsletter f g+ t in Rss