Sei in: Home » Guide Legali » Eredità e successioni » Successione dell'ex coniuge

La successione dell'ex coniuge 

I diritti successori del coniuge a seguito di separazione o di divorzio: quando all'ex spetta l'eredità e quando, invece, non ha più diritto a nulla
Le successioni ereditarie

Il coniuge del defunto è uno dei soggetti ai quali il legislatore, per ovvie ragioni, accorda le più forti tutele. Egli, oltretutto, rientra tra gli eredi legittimari, ai quali è riservata per legge una determinata quota del patrimonio del de cuius. 

Vai alla guida I legittimari nella successione ereditaria 

La separazione e il divorzio possono incidere su tali diritti, limitandoli o addirittura estinguendoli. 

Vediamo in che modo: 

  1. Successione in caso di separazione senza addebito
  2. Successione in caso di separazione con addebito
  3. Successione in caso di divorzio

Successione in caso di separazione senza addebito

[Torna su]

Se vi è stata separazione senza addebito, il coniuge e l'ex coniuge sono praticamente equiparati.

Gli articoli 585 e 548 del codice civile dispongono, infatti, che il coniuge, cui non è stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato, gode degli stessi diritti successori del coniuge non separato. Il che in altre parole vuol dire che sia il coniuge separato senza addebito che il coniuge separato con addebito sancito da una sentenza non ancora passata in giudicato godono degli stessi diritti successori del coniuge non separato.

Si ritiene, inoltre, che il coniuge separato senza addebito goda ancora del legato ex lege di cui all'art. 540 secondo comma c.c.: in linea di principio gli spettano i diritti di abitazione della casa adibita a residenza familiare e di uso dei mobili che la corredano, se di proprietà del coniuge defunto o comuni.

Su quali quote gravano di diritti di abitazione e uso

Il legislatore ha previsto che tali diritti gravino sulla quota disponibile e, da tale assunto, in dottrina e in giurisprudenza si è aperto un acceso dibattito in quanto l'articolo in commento si riferisce alla successione testamentaria e non alla successione legittima. Alcuni autori sostengono che, nella successione legittima, tali diritti compongano la quota del coniuge (e, conseguentemente, non debbano essere sommati alla quota del coniuge) mentre altra opinione ritiene che, come nelle successioni testamentarie, la quota debba gravare sulla disponibile. La Suprema Corte, nella sentenza a SS.UU. 27.02.2013, n. 4847 ha enunciato che i diritti vengono attribuiti nella successione legittima "in aggiunta alla quota (…) spettante ai sensi degli art. 581 e 582 c.c." in quanto la norma mira a tutelare l'interesse, del coniuge, alla continuazione della permanenza nella casa adibita a residenza familiare.

Successione in caso di separazione con addebito

[Torna su]

Diversamente, se la separazione è stata addebitata con sentenza passata in giudicato, il coniuge superstite è ammesso a fruire dell'assegno vitalizio solo se, al momento dell'apertura della successione, godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto.

La natura giuridica di tale assegno, dibattuta in dottrina, non è priva di conseguenze: se si qualificasse l'assegno quale legato ex lege o diritto di riserva, sarebbe consequenziale definire il coniuge separato con addebito un legittimario, con la conseguenza che egli dovrebbe imputare eventuali donazioni ricevute dal de cuius e dovrebbe agire con l'azione di riduzione per il pagamento dell'assegno da parte dei coeredi. Diversamente, se si qualificasse l'assegno vitalizio come un diritto di credito a carico dell'eredità, il coniuge separato con addebito dovrebbe agire con decreto ingiuntivo, come un qualsiasi creditore dell'eredità.

Successione in caso di divorzio

[Torna su]

Solamente a seguito del divorzio, essendoci la cessazione degli effetti civili del matrimonio, i coniugi perdono tutti i diritti successori e il patrimonio del de cuius viene devoluto integralmente a favore degli altri eredi.

Tuttavia, se il coniuge divorziato superstite versa in stato di bisogno ed era titolare di un assegno divorzile, previo ricorso al Tribunale, potrà vedersi riconosciuto un assegno alimentare posto a carico dell'eredità.

Il coniuge divorziato, poi, può anche avere diritto alla pensione di reversibilità dell'ex se era già titolare di un assegno di divorzio, se non si è risposato e se il rapporto di lavoro dell'ex defunto si era svolto in data anteriore alla sentenza di divorzio. 

Dott.ssa Francesca Tessitore


Aggiornamento: novembre 2019