Sei in: Home » Guide Legali » Locazioni » Miglioramenti e addizioni

Miglioramenti e addizioni

Cosa sono i miglioramenti e le addizioni e cosa prevede il codice civile per le ipotesi in cui il conduttore li apporti al bene locato
Guida sulle locazioni

Durante il contratto di locazione, può accadere che il conduttore apporti dei miglioramenti o delle addizioni al bene locato. Tali ipotesi sono prese specificatamente in esame dal codice civile, che le regola agli articoli 1592 e 1593.

  1. Miglioramenti e addizioni: cosa sono?
  2. I miglioramenti
  3. Le addizioni

Miglioramenti e addizioni: cosa sono?

[Torna su]

Prima di addentrarci nell'esame della relativa disciplina, chiariamo cosa si intende per miglioramento e per addizione.

Il miglioramento, in particolare, è una qualsiasi modifica apportata alla struttura originale del bene locato da parte del conduttore, idonea a provocarne un aumento di valore. L'addizione, come suggerisce il termine, è invece l'aggiunta di una cosa al bene locato, da esso facilmente distinguibile.

I miglioramenti

[Torna su]

Per quanto riguarda i miglioramenti, il nostro ordinamento non vieta al conduttore di eseguirli ma specifica che, salvo disposizioni particolari della legge o degli usi, essi non danno diritto ad alcuna indennità.

Se però il locatore presta il proprio consenso, questi deve pagare al conduttore un'indennità pari alla minor somma tra l'importo speso e il valore del risultato utile al tempo della riconsegna.

Infine, il codice civile specifica che in ogni caso, anche quando al conduttore non spetta alcuna indennità, è possibile che con il valore dei miglioramenti siano compensati i deterioramenti che si sono verificati senza colpa grave dell'inquilino.

Le addizioni

[Torna su]

Con riferimento alle addizioni (anch'esse libere), invece, l'articolo 1593 del codice civile dà diritto al conduttore di toglierle alla fine della locazione, ma solo se ciò non comporta nocumento della cosa e purché il proprietario non preferisca ritenerle, pagando un'indennità.

Quest'ultima va determinata considerando la minor somma tra l'importo della spesa sostenuta dal conduttore e il valore che le addizioni hanno al tempo della riconsegna.

In tutti i casi in cui, invece, le addizioni non possano essere separate dalla cosa senza nocumento, se esse costituiscono anche dei miglioramenti alle stesse si applicherà la disciplina dettata per questi ultimi.


Aggiornamento: ottobre 2019

Diritti e doveri del conduttore » Scadenza del contratto e rinnovo »
Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f t in Rss