Sei in: Home » Guide Legali » Locazioni » La locazione

La locazione

Cos'è il contratto di locazione, qual è la sua definizione, in cosa si caratterizza, dove è disciplinato e in cosa si differenzia dall'affitto 
Guida sulle locazioni

La locazione è il contratto con il quale un soggetto (tecnicamente definito "locatore", ma nota anche come "padrone di casa", "proprietario" o simili) si obbliga nei confronti di un altro soggetto (tecnicamente definito "conduttore" o "locatario", anche se, nel linguaggio corrente, è spesso chiamato "inquilino", o "affittuario") a fargli godere un bene (sia mobile che immobile), per un periodo di tempo determinato.

In cambio, ottiene un corrispettivo in denaro.

Vediamo più nel dettaglio come è regolata tale tipologia contrattuale, in cosa si caratterizza e dove è contenuta la sua disciplina.

  1. Contratto di locazione: definizione
  2. Contratto di locazione: cos'è
  3. La disciplina della locazione
  4. Locazione e affitto

Contratto di locazione: definizione

[Torna su]
La definizione di locazione è contenuta nell'articolo 1571 del codice civile, che così recita:

"La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo".

Contratto di locazione: cos'è

[Torna su]

Per quanto concerne le principali note caratteristiche del contratto di locazione, merita di essere subito evidenziato che si tratta, sotto il profilo della formazione del negozio, di un contratto "consensuale", in quanto l'iter di perfezionamento è del tutto concluso già al momento del valido scambio del consenso e del conseguente raggiungimento dell'accordo, senza necessità di una consegna materiale della cosa (al contrario di quanto avviene nei contratti "reali", come il comodato, in cui la datio rei è elemento essenziale in tal senso).

Sotto altro profilo, la locazione è un contratto "a effetti obbligatori", poiché da esso non deriva l'acquisizione in capo al destinatario di alcun diritto reale sul bene, bensì semplicemente il diritto di godere e di usare quel bene per un tempo determinato e solo per l'uso consentito e specificato nel contratto medesimo.

La disciplina della locazione

[Torna su]

La disciplina delle locazioni trova regolamentazione sia nel codice civile  sia in diverse leggi specifiche.

Il codice civile, in particolare, se ne occupa dall'articolo 1571 all'articolo 1614.

Le principali leggi speciali in materia di locazione, invece, sono la legge numero 431/1998 e la legge numero 392/1978, in materia  di locazione a uso abitativo, e l a legge numero 392/1978 in materia di locazione a uso commerciale.

Locazione e affitto

[Torna su]

Nonostante nel linguaggio corrente si senta parlare quasi sempre di "affitto" riferendosi alla locazione, come se i due termini fossero sinonimi, in realtà tecnicamente si tratta di una prassi sbagliata.

Il codice civile, infatti, parla di affitto solo riferendosi alle ipotesi in cui oggetto della locazione sia una cosa, mobile, immobile o anche un'universalità di mobili (come l'azienda), avente carattere produttivo (si pensi, a titolo esemplificativo, a terreni coltivabili ed esercizi commerciali).

  Elementi essenziali del contratto »
Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f t in Rss