Per la Cassazione, il correntista ha diritto alla restituzione dell'indebito anche se ha sottoscritto un piano di rientro

Piano di rientro e contestazione nullità clausole contrattuali

[Torna su]
In tema di contratto di conto corrente bancario, il piano di rientro concordato tra la banca ed il cliente non impedisce la contestazione della nullità delle clausole negoziali (per anatocismo, usura, ecc.) né può comportare la sanatoria del contratto privo della forma scritta ad substantiam.

Ad affermarlo è la Suprema Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 2855/2022 (sotto allegata).

Il fatto

Il correntista e il suo fideiussore agivano in giudizio nei confronti della Banca presso la quale avevano un rapporto di conto corrente assistito da aperture di credito garantito da fideiussione; gli attori domandavano in via principale la condanna dell'istituto di credito alla restituzione di somme indebitamente corrisposte e la rideterminazione dei rapporti di dare e avere tra le parti. La Banca, costituendosi in giudizio, chiedeva il rigetto delle domande attrici e spiegava, in via riconvenzionale, domanda di condanna degli attori al pagamento del saldo passivo del conto.

Il Tribunale di Varese respingeva la domanda attrice in quanto non avevano prodotto il contratto di conto corrente posto a base della pretesa azionata. Ma accoglieva

quella riconvenzionale proposta dalla banca, che aveva prodotto in giudizio un piano di rientro, sul presupposto che tale piano avesse valore di ricognizione di debito col quale gli attori avevano riconosciuto di essere debitori di Euro 112.586,66.

L'appello proposto dalla società correntista e dai fideiussori veniva respinto dalla Corte di appello di Milano in quanto riteneva che la banca fosse dispensata dall'onere di provare l'esistenza del contratto di conto corrente, spettando agli attori di dare dimostrazione dell'insussistenza del credito e cioè della dedotta nullità e illegittimità degli addebiti operati dalla banca nel corso del rapporto.

La Suprema Corte è stata di contrario avviso.

Piano di rientro ha mera natura ricognitiva del debito

La Suprema Corte ha ritenuto che la Corte di merito non avrebbe potuto accogliere la domanda riconvenzionale della banca sulla scorta di quanto risultava dal piano di rientro in quanto consistente in una dichiarazione unilaterale recettizia che non integra una fonte autonoma di obbligazione.

Dunque il piano di rientro che riconosce il debito non può supplire alla mancata produzione della documentazione della pattuizione da cui trae origine il rapporto presupposto, soggetto alla forma scritta ad substantiam. Invero per la costituzione dell'obbligo di pagare interessi in misura superiore a quella legale è necessaria la forma scritta a norma dell'art. 117 t.u.b. e perciò è a tal fine inidonea una ricognizione del debito, atto successivo alla costituzione di detto obbligo.

In ogni caso, ha precisato la Corte, il piano di rientro concordato tra la banca ed il cliente se ha natura meramente ricognitiva del debito, non ne determina l'estinzione, né lo sostituisce con nuove obbligazioni e, pertanto, è sempre possibile contestare la nullità delle clausole negoziali del contratto di conto corrente.

Il principio di diritto

La Corte Suprema ha quindi accolto il ricorso con rinvio della causa ad altra sezione della Corte di Milano che dovrà fare applicazione del seguente principio di diritto:

"Il piano di rientro concordato tra la banca ed il cliente, avente natura meramente ricognitiva del debito, non preclude la contestazione della nullità delle clausole negoziali preesistenti e non esonera pertanto la banca, attrice in giudizio per il pagamento del saldo, dal documentare le condizioni convenute nel contratto di conto corrente, che è soggetto alla forma scritta ad substantiam a norma dell'art. 117 t.u.b".


Avv. Vincenzo Vitale - Avv. Silvia Vitale

STUDIO LEGALE VITALE

Via F. Petrarca n. 21 bis

72013 Ceglie Messapica (BR)

tel - fax 0831/377971

http://www.avvocatovincenzovitale.it/

Scarica pdf ordinanza Cass. n. 2855/2022

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: