Sei in: Home » Articoli

Atto notificato a familiare? Serve la raccomandata informativa

La Cassazione conferma che ove l'atto impositivo venga consegnato a familiare o persona addetta alla casa, la notifica si perfezionerà con l'invio della raccomanda informativa al destinatario
Mano che consegna busta
di Lucia Izzo - La notifica dell'atto impositivo (es. preavviso di fermo) se questo viene consegnato nelle mani di persona di famiglia o addetta alla casa, si perfeziona solo con il successivo invio della raccomanda informativa al destinatario.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, nell'ordinanza n. 17235/2018 (qui sotto allegata), pronunciando sul ricorso del contribuente contro contro l'Agenzia delle Entrate.

L'uomo impugna il provvedimento con cui la CTR che aveva confermato la legittimità del preavviso di fermo in relazione alla rituale notifica dell'atto propedeutico, effettuato con raccomandata consegnata alla moglie del contribuente pur senza l'inoltro di raccomandata informativa al destinatario.

In Cassazione, questi prospetta con successo una violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 60, comma 1, lett. b) bis, nonché dell'art. 19 del codice di rito.

In particolare, precisano gli Ermellini, la stessa recente giurisprudenza (cfr. Cass. n. 2868/2017) ha chiarito che, l'art. 60 cit., nel caso la notifica venga eseguita dai messi comunali o dai messi speciali autorizzati dall'ufficio delle imposte, questi devono far sottoscrivere al consegnatario l'atto o l'avviso oppure indicare i motivi per i quali il consegnatario non ha sottoscritto.

La norma, alla lett. b) bis stabilisce, inoltre, che laddove il consegnatario non sia il destinatario dell'atto o dell'avviso, il messo dovrà consegnare o depositare la copia dell'atto da notificare in busta sigillata, su cui trascriverà il numero cronologico della notificazione, dandone atto nella relazione in calce all'originale e alla copia dell'atto stesso.

Notifica al familiare, serve raccomandata informativa al destinatario

Inoltre, la giurisprudenza ha altresì aggiunto che il consegnatario deve sottoscrivere una ricevuta e il messo deve dare notizia dell'avvenuta notificazione dell'atto o dell'avviso, a mezzo di lettera raccomandata.

Infatti, "il tenore letterale della disposizione configura la raccomandata informativa come un adempimento essenziale del procedimento di notifica". Tale orientamento tiene espressamente conto della pronunce con cui la Corte Costituzionale (cfr. nn. 258/2012 e 3/2010) ha deciso che nei casi di "irreperibilità cd. relativa" del destinatario vada applicato l'art. 140 del codice di procedura civile.

Sicché è necessario, ai fini del suo perfezionamento, che siano effettuati tutti gli adempimenti ivi prescritti, incluso l'inoltro al destinatario e l'effettiva ricezione della raccomandata informativa del deposito dell'atto presso la casa comunale, non essendone sufficiente la sola spedizione.

A tale principio non si è conformato il giudice di merito che ha, per converso, escluso la necessità della raccomandata informativa in caso di consegna della raccomandata a familiare del destinatario dell'atto. Pertanto, la sentenza impugnata va cassata con rinvio ad altra sezione della CTR.

Cass., VI civ., ord. 17235/2018
(05/07/2018 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss