Sei in: Home » Articoli

Raccomandata informativa

Condividi
Seguici

Cos'è la raccomandata informativa, quando deve essere inviata, a quali regole soggiace e quando determina il perfezionamento della notifica ex art. 140 cpc
posta lettera raccomandata

di Valeria Zeppilli - La raccomandata informativa è una raccomandata inviata nel caso in cui, all'atto della notifica di un atto giudiziario via posta, il destinatario non è reperibile o le persone di famiglia o addette alla sua casa, al suo ufficio o alla sua azienda sono incapaci o la rifiutano.

Indice:

  1. Cos'è la raccomandata informativa
  2. Raccomandata informativa: le regole
  3. Raccomandata informativa e perfezionamento della notifica
  4. Raccomandata informativa e CAN

Cos'è la raccomandata informativa

La raccomandata informativa, più precisamente, è lo strumento attraverso il quale l'ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario che, vista l'irreperibilità o l'incapacità o il rifiuto di ricevere la notifica a lui diretta, la copia dell'atto è stata depositata nella casa del Comune dove la notificazione stessa deve eseguirsi.

A prevederla è l'articolo 140 c.p.c., che impone anche l'avviso di ricevimento.

Raccomandata informativa: le regole

La raccomandata informativa segue le regole prescritte dal regolamento postale per la raccomandata ordinaria, posto che non tiene luogo dell'atto da notificare ma contiene esclusivamente la notizia del deposito dello stesso nella casa comunale.

La Corte di cassazione lo ha affermato in più occasioni, precisando che, di conseguenza, tale raccomandata non è soggetta alle disposizioni di cui alla legge numero 890/1982. Una delle conseguenze di ciò sta nella circostanza che la notificazione non può dirsi nulla se sull'avviso di ricevimento della raccomandata informativa manca la specificazione della qualità del consegnatario e della situazione di convivenza o meno con il destinatario della notifica (cfr. Cass. n. 6254/2019 e Cass. n. 26864/2014).

Raccomandata informativa e perfezionamento della notifica

L'articolo 140 c.p.c. è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla Consulta con sentenza n. 3/2010 "nella parte in cui prevede che la notifica si perfeziona, per il destinatario, con la spedizione della raccomandata informativa, anziché con il ricevimento della stessa o, comunque, decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione".

Per il notificante, invece, la notifica si perfezione quando l'ufficiale giudiziario compie tutte e e tre le formalità che gli sono affidate dall'articolo 140, ovverosia il deposito di una copia dell'atto presso la casa comunale, l'affissione dell'avviso di deposito alla porta dell'abitazione, dell'ufficio o dell'azienda del destinatario e la spedizione della raccomandata informativa.

Raccomandata informativa e CAN

La raccomandata informativa inviata ai sensi dell'articolo 140 cpc non va confusa con un altro genere di raccomandata informativa, meglio nota come CAN.

La CAN, infatti, è la raccomandata che viene inviata al destinatario di una notifica tramite posta, qualora la stessa non gli sia stata consegnata direttamente ma sia stata affidata a una persona convivente o addetta alla sua casa o al suo ufficio.

Eliminata dalla legge di bilancio 2018, la CAN è stata reintrodotta dalla legge di bilancio 2019.

In proposito leggi: "Notifiche atti giudiziari: torna la CAN".

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(08/03/2019 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Eutanasia: sì a stop cure solo per volontà del malato espressa a parole
» Sigarette: aumenti fino a 40 centesimi

Newsletter f t in Rss