Sei in: Home » Articoli

Figli: affidamento condiviso anche se la madre soffre di disturbi della personalità

Per la Cassazione il regime ordinario di affidamento non involge il rapporto quotidiano tra genitori e figli
Madre e figlio che si tengono per mano

di Valeria Zeppilli - Per la Corte di cassazione, la circostanza che uno dei genitori sia affetto da disturbi della personalità che si manifestano con condotte aggressive e violente non è di per sé sufficiente a giustificare una deroga al regime ordinario dell'affidamento condiviso dei figli.

Tale regime infatti, come si legge nella sentenza numero 5096/2018 qui sotto allegata, "non involge il rapporto quotidiano fra genitori e figli, ma rileva soltanto nelle sporadiche occasioni di decisioni di particolare importanza".

Tutela dei minori

Di conseguenza, se tali decisioni possono essere compiute a prescindere dai disturbi della personalità (come avviene quando, come nel caso deciso dai giudici, la malattia si manifesta soltanto in situazioni di grave stress), nulla esclude che l'affidamento sia condiviso tra la madre e il padre.

Le accortezze necessarie per tutelare i minori, semmai, sono altre e si possono concretizzare, ad esempio, nel collocare i piccoli presso il genitore non affetto da disturbi della personalità e avendo cura di disciplinare adeguatamente i loro incontri settimanali con il genitore affetto da simili patologie.

La vicenda

Nella vicenda sottoposta all'attenzione della Corte, gli incontri dei figli con la madre, che aveva manifestato, in condizioni di stress, atteggiamenti violenti e aggressivi, si svolgevano due a casa della donna ma sotto la vigilanza dei servizi sociali e il terzo presso il servizio di neuropsichiatria infantile. Per i giudici tanto basta a tutelare i minori e l'affidamento resta condiviso.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5096/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(07/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Invalidità: i nuovi importi per il 2019
» Danno biologico: le nuove tabelle di Roma sempre più lontane da quelle di Milano
» Il Codice della crisi e dell'insolvenza
» Addio definitivamente all'assegno di divorzio con la nuova convivenza
» Il mutuo condominiale
Newsletter f g+ t in Rss