Sei in: Home » Articoli

Cassazione: per la rettifica del sesso non serve l'intervento chirurgico

La normativa di legge richiede, infatti, la sola modificazione dei caratteri sessuali dell'interessato
volti di uomo e donna nello stesso corpo
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 30125/2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione si è confrontata con la questione del diritto dell'individuo a ottenere la rettificazione anagrafica del sesso.
Sul punto, in particolare, i giudici hanno precisato che tale diritto sussiste a prescindere da un preventivo intervento chirurgico: per la rettificazione è sufficiente che il percorso scelto sia serio e univoco e, ove necessario, che venga accertata la compiutezza dell'approdo finale mediante accertamenti tecnici rigorosi, compiuti in sede giudiziale.
Se ricorrono questi presupposti, la preventiva modificazione chirurgica dei caratteri sessuali anatomici primari non è necessaria.

Rettifica sesso: la legge n. 164/1982

Del resto, l'articolo 1 della legge numero 164/1982 pone come unica condizione per la domanda di rettifica del sesso, l'avvenuta modificazione dei caratteri sessuali dell'interessato, mentre non richiede espressamente il previo intervento chirurgico.
Per quanto riguarda la procedura, oltretutto, la norma fa riferimento all'articolo 31 del d.lgs. n. 150/2011, in base al quale "quando risulta necessario un adeguamento dei caratteri sessuali da realizzare mediante trattamento medico-chirurgico, il tribunale lo autorizza con sentenza passata in giudicato".
E a tal proposito la formula normativa "quando risulta necessario" si pone a ulteriore sostegno della conclusione cui è giunta la Cassazione, posto che essa va interpretata "nel senso di non imporre l'intervento chirurgico demolitorio e/o modificativo dei caratteri sessuali anatomici primari ai fini della rettifica di sesso".
Insomma: l'autorizzazione giudiziale al trattamento medico-chirurgico non è né un presupposto processuale né una condizione di procedibilità della domanda di rettificazione di sesso, ma rappresenta un procedimento eventuale che diviene necessario solo se il giudice lo reputi tale all'esito di un'analisi condotta tenendo conto di tutte le circostanze e le specificità del caso concreto (ad esempio quando risulti indispensabile per permettere al soggetto interessato di raggiungere un equilibrio psicofisico stabile).
Corte di cassazione testo sentenza numero 30125/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/12/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss