Sei in: Home » Articoli

Categorie protette: quali malattie danno diritto all'esenzione dalla visita fiscale?

Condividi
Seguici

L'Inps chiarisce con una circolare alcuni punti relativi all'esenzione dalla visita fiscale per le categorie protette
disabili aiuto handicap

di Annamaria Villafrate - La circolare n. 95/2016 INPS, l'allegato 1 (decreto 16/01/2016) e l'allegato 2 (Linee guida in attuazione del dm lavoro 11 gennaio 2016), colmano importanti lacune normative sull'esenzione dalla visita fiscale dei dipendenti privati.

Visite fiscali: chi è esente

L'art. 25 del dlgs n. 151 del 14/09/2015 "Esenzioni dalla reperibilità", aveva novellato l'art. 5, co. 13, del decreto legge n. 463 del 12/09/1983, inserendo una disciplina tesa a definire i casi di esenzione dalla reperibilità per i lavoratori dipendenti del settore privato, senza scendere troppo nel dettaglio. Questa genericità aveva creato dubbi interpretativi e difficoltà di applicazione concreta della normativa.

Visite fiscali: le precisazioni del ministero

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministero della salute, in data 11/01/2016 emana un decreto che però non risolve il vuoto preesistente, continuando a individuare troppo "genericamente" le cause che danno diritto alle esenzioni dalla visita fiscale.

L'art. 1 del decreto 11/01/2016 prevede infatti che sono esclusi dall'obbligo di rispettare le fasce orarie di reperibilità (10.00 - 12.00; 17.00 - 19.00) da parte del medico ai fini della visita fiscale "i lavoratori subordinati, dipendenti dai datori di lavoro privati, per i quali l'assenza e' etiologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze":

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita (risultante da documentazione rilasciata dalle competenti strutture sanitarie, attestante la natura della patologia e la terapia salvavita da effettuare).
  • stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta nella misura pari o superiore al 67 per cento.

Esonero per invalidità pari o superiori al 67%: calcolo della percentuale

Proprio in riferimento alle invalidità pari a superiori al 67% nelle linee guida (allegato 2 alla circolare n. 95/2016) l'INPS precisa che:"il sistema tabellare dell'invalidità civile è quello che pone più problemi sia perché le voci ivi ricomprese non sono esaustive - quindi, il ricorso all'analogico è frequentissimo - sia perché a sostegno della percentuale assegnata si trova più spesso un "complesso menomativo" per plurime infermità concorrenti e/o coesistenti piuttosto che una singola menomazione. (…) Sicché, anche una valutazione apparentemente importante come quella pari o superiore al 67% potrebbe in teoria essere lecitamente raggiunta in valutazione complessiva anche da un coacervo cumulato di piccole invalidità a partire dall'11% ."

In sostanza il medico è legittimato a disporre l'esonero dalla visita fiscale anche se lo stato morboso del 67% è determinato dalla somma di invalidità minori a partire dall'11%.

Le patologie che legittimano l'esonero dalla visita fiscale

L'INPS nella circolare n. 95/2016 però è andata ancora oltre.

Per orientare nel modo più corretto i medici che redigono i certificati di malattia, ha infatti elaborato (previa approvazione dei Ministero della salute e del del lavoro e delle politiche sociali) e allegato alla circolare n. 95/2016 delle linee guida che forniscono finalmente, una lista di riferimento delle patologie che danno diritto all'esonero dalla visita fiscale:

  • Sindromi vascolari acute con interessamento sistemico;
  • emorragie severe /infarti d'organo;
  • coagulazione intravascolare disseminata e condizioni di shock - stati vegetativi di qualsiasi etiologia;
  • insufficienza renale acuta;
  • insufficienza respiratoria acuta anche su base infettiva (polmoniti e broncopolmoniti severe, ascesso polmonare, sovrainfezioni di bronchiectasie congenite, fibrosi cistica);
  • insufficienza miocardica acuta su base elettrica (gravi aritmie acute);
  • ischemica (infarto acuto), meccanica (defaillance acuta di pompa) e versamenti pericardici;
  • cirrosi epatica nelle fasi di scompenso acuto;
  • gravi infezioni sistemiche fra cui aids conclamato;
  • intossicazioni acute ad interessamento sistemico anche di natura;
  • professionale o infortunistica non Inail (arsenico, cianuro, acquaragia, ammoniaca, insetticidi, farmaci, monossido di carbonio, etc.);
  • Ipertensione Liquorale Endocranica Acuta;
  • malattie dismetaboliche in fase di scompenso acuto;
  • malattie psichiatriche in fase di scompenso acuto e/o in tso;
  • neoplasie maligne, in trattamento chirurgico e neoadiuvante chemioterapico antiblastico e/o sue complicanze;
  • trattamento radioterapico;
  • sindrome maligna da neurolettici;
  • trapianti di organi vitali;
  • altre malattie acute con compromissione sistemica (a tipo pancreatite, mediastinite, encefalite, meningite, ect...) per il solo periodo convalescenziale;
  • quadri sindromici a compromissione severa sistemica secondari a terapie o trattamenti diversi (a tipo trattamento interferonico, trasfusionale)
Vedi anche la guida legale Le categorie protette

Circolare INPS 95 - 2016
Allegato 1
Allegato 2
(14/12/2017 - Annamaria Villafrate)
In evidenza oggi:
» Telecamere e test psico-attitudinali per le maestre d'asilo
» Abolire l'ora di religione e sostituirla con educazione civica
» Bollette luce e gas: le novit da luglio
» Assegno divorzile: non basta il divario economico tra coniugi
» Rottamazione ter, arriva la comunicazione delle Entrate

Newsletter f t in Rss