Sei in: Home » Articoli

Si può ritirare la patente al ciclista ubriaco o drogato?

Ecco i casi in cui può applicarsi la sanzione accessoria della sospensione della patente per chi si mette alla guida in stato di alterazione psico-fisica
bicicletta id11056

Può essere ritirata la patente a chi guida una bicicletta sotto effetto di alcol o stupefacenti?

A quanto pare no. E a dirlo è la Corte di Cassazione.

La vicenda

Chiamata a pronunciarsi sul ricordo di un uomo che lamentava l'errata applicazione da parte del giudice di merito della pena accessoria della sospensione della patente di guida, in relazione ad un incidente dallo stesso causato, in stato di alterazione psico-fisica derivante da assunzione di stupefacenti, mentre era alla guida di una bicicletta, atteso che per tale veicolo non è previsto il conseguimento di alcuna patente.

Ciclista ubriaco o drogato: no al ritiro della patente

Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, si legge nella recentissima sentenza n. 52148/2017, "la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, applicabile in relazione a illeciti posti in essere con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale, non può essere disposta nei confronti di chi si sia posto alla guida di un veicolo per condurre il quale non è richiesta alcuna abilitazione, come un velocipede" (cfr. Cass. n. 19413/2013). Per cui la S.C. ha dato ragione al ricorrente annullando la sentenza senza rinvio limitatamente alla disposta sospensione della patente, statuizione che va eliminata.

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(17/11/2017 - Domande e Risposte)
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss