Sei in: Home » Articoli

Divorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegno

Per la Cassazione, al fine di sollevare l'altro coniuge dal pagamento dell'assegno di divorzio è necessario che la nuova unione assuma i connotati di una famiglia di fatto
donna fa segno con la mano per chiedere soldi concetto divorzio mantenimento

di Valeria Zeppilli – Per potersi sollevare dal pagamento dell'assegno divorzile all'ex coniuge non è sufficiente dimostrare che questi conviva con il nuovo compagno.

Nuova unione come famiglia di fatto

Per la Corte di cassazione, infatti, serve qualcosa in più, ovverosia la prova della sussistenza di tutti gli elementi idonei a qualificare la nuova unione dell'ex come una famiglia di fatto alla quale l'attuale partner offra uno stabile apporto economico.

Onere della prova

Con l'ordinanza n. 25074/2017 del 23 ottobre (qui sotto allegata), i giudici di legittimità hanno così confermato il rigetto delle pretese di un uomo che, partendo dal presupposto che la ex moglie avesse intrapreso una convivenza con un nuovo partner, auspicava di essere esonerato dal versamento del contributo economico mensile alla donna.

Nel corso del giudizio di merito era infatti mancata la prova che la nuova relazione intrapresa dalla ex avesse i connotati di una famiglia di fatto, tale da legittimare il venir meno dell'assegno.

La Corte, ratificando la decisione di secondo grado, ha a tal proposito precisato che "la dimostrazione dell'instaurazione da parte del coniuge beneficiario di un nuovo rapporto familiare che assuma i suddetti connotati spetta, in linea di principio, al coniuge onerato, come fatto estintivo del diritto all'assegno divorzile".

Corte di cassazione testo ordinanza n. 25074/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/10/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF