Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: paga l'ospedale per l'infermiere aggredito durante il turno

Spetta eventualmente alla struttura sanitaria dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno
ospedale corsia ricovero

di Valeria Zeppilli – Se l'infermiere subisce un'aggressione da parte di un paziente mentre sta svolgendo il proprio turno di lavoro, è possibile che la struttura ospedaliera presso la quale opera sia chiamata a risarcire il danno biologico derivatogli.

Prevenzione degli infortuni

Lo ha ricordato la sezione lavoro della Corte di cassazione con la sentenza numero 14566/2017 del 12 giugno (qui sotto allegata), sottolineando che è obbligo del datore di lavoro quello di prevenire il verificarsi di tali situazioni. A tal fine, egli deve adottare sicuramente tutte le misure previste dalla legge, ma non solo: su di lui grava anche l'onere di predisporre le diverse misure che siano richieste dalla specificità dei rischi connessi sia all'utilizzo di determinati macchinari che all'ambiente di lavoro.

Responsabilità contrattuale

I giudici hanno inoltre ricordato che la natura della responsabilità del datore di lavoro per un infortunio sul luogo di lavoro è di tipo contrattuale. Di conseguenza, l'infermiere che ha subito l'aggressione, per essere risarcito dal datore di lavoro, deve provare solo di aver subito un danno alla salute a causa dell'attività lavorativa svolta. Data tale prova, è la struttura sanitaria che deve dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno e, quindi, di aver adottato le cautele necessarie per impedire che lo stesso si verificasse.

Nel caso di specie, tale dimostrazione non era stata fornita ma anzi il giudice del merito aveva addossato l'onere di provare l'inadempimento al lavoratore. Per tale motivo la sua pronuncia è stata cassata dai giudici di legittimità: ora dovrà tornare sull'argomento.

Corte di cassazione testo sentenza numero 14566/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(15/06/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF