Sei in: Home » Articoli

Decreto ingiuntivo: quando titolo esecutivo?

In alcuni casi l'esecuzione provvisoria, in altri necessario attendere il decorso infruttuoso dei termini per l'opposizione
un salvadanaio con vicino punto interrogativo fatto di monete

Domanda: "Quando possibile utilizzare un decreto ingiuntivo come titolo esecutivo?"

Risposta: "Un decreto ingiuntivo, al ricorrere di determinate condizioni, pu essere dichiarato titolo esecutivo e, pertanto, pu essere posto alla base di un precetto per l'avvio dell'esecuzione forzata di un credito.

A tal fine necessario distinguere due ipotesi: quella in cui sia possibile concedere la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo da quella in cui, invece, a tal fine sia necessario attendere la mancata opposizione della parte alla quale lo stesso stato notificato.

La provvisoria esecuzione, in particolare, concessa quando il credito fatto valere con il decreto ingiuntivo fondato su una cambiale, un assegno bancario, un assegno circolare, un certificato di liquidazione di borsa o su atto ricevuto da notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato. La provvisoria esecuzione, poi, pu essere concessa se vi un pericolo di grave pregiudizio nel ritardo o se il ricorrente produce una documentazione sottoscritta dal debitore, con la quale si comprova il diritto fatto valere. In ogni caso necessaria l'istanza del debitore.

In tutte le altre ipotesi, un decreto ingiuntivo pu divenire titolo esecutivo solo dopo che siano trascorsi quaranta giorni dalla notifica dello stesso al debitore senza che quest'ultimo abbia proposto opposizione.

Per poter utilizzare il decreto ingiuntivo come titolo esecutivo sempre necessario dotarlo di formula esecutiva, facendone richiesta all'ufficio giudiziario che lo ha emesso".

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(25/04/2017 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: via libera all'app per gestire i figli senza conflitti
» Diritto all'immagine: scatta il risarcimento per la foto pubblicata senza consenso
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'eredit.
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» Eredit: la ripartizione dei debiti tra gli eredi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss