Sei in: Home » Articoli

Sanità: addio ticket sui redditi più bassi

L'annuncio del ministro Lorenzin che prossima settimana convocherà le regioni
ministro della salute Beatrice Lorenzin

di Gabriella Lax - «La prossima settimana riconvocherò le regioni per rivedere i ticket». Così il ministro della salute Beatrice Lorenzin all'Ansa. Una convocazione finalizzata a rivedere il sistema dei ticket: e in particolare ad eliminarli per i redditi bassi, a vincolare i risparmi di spesa all'abbattimento della compartecipazione, nonché a rimodulare le detrazioni fiscali sulle spese mediche in funzione del reddito.

I ticket incidono per 3 miliardi di euro sui 113 presenti nel Fondo Sanitario Nazionale, e che potrebbero quindi essere aboliti, agendo ad esempio sulla spending review. Tre miliardi che potrebbero, dunque, essere trovati, a detta del ministro, abolendo i ticket sulla sanità, e dando così un segnale di attenzione, anche politica da parte del Governo, alle fasce più deboli della popolazione.

Il ministro si è soffermato anche sulle differenze regionali nei ticket, recentemente messe in evidenza da un rapporto dell'Agenas, e ha affrontato il problema delle liste d'attesa. «Stiamo fronteggiando il problema delle liste di attesa a macchia di leopardo e con grandissima lentezza» ha affermato infatti portando come esempio il modello dell'Emilia Romagna dove, negli ultimi tre anni sono state attuate una serie di misure, che hanno di fatto eliminato le liste di attesa. Ancora non è chiaro, ma sembra inevitabile un intervento di revisione sulle detrazioni fiscali in relazione alla prossima manovra di bilancio che comporterebbe una modulazione delle detrazioni legate alle spese sanitarie in funzione del reddito. Le cifre sono fisse, pari al 19% della spesa per tutti: potrebbero essere articolate aumentando quelle per i redditi più bassi, ed alleggerendo, a contrario, quelle per i più alti. Dunque una revisione degli sgravi fiscali da cui potrebbero derivare se non tutti, almeno una buona parte dei tre miliardi del ticket. Altra ipotesi che il ministro della Salute sta prendendo in considerazione è quella di vincolare alla riduzione della compartecipazione alla spesa, i risparmi conseguiti nel sistema. Per il ministero della salute dall'applicazione dei nuovi Lea, cui sono riservati 800 milioni del Fondo nazionale da 113 miliardi, dovrebbe arrivare il vero risparmio. Così come dall'unificazione delle centrali di acquisto regionali, che, dove è stata realizzata, ha permesso una riduzione media della spesa del 20%. Quello dei ticket risulta essere un sistema che porta disparità. Si ricorda che sono esenti dai ticket i bambini sotto i sei anni di età e gli anziani con oltre 65 anni, ma con un reddito annuo lordo inferiore a 36 mila euro. Non pagano i disoccupati, con redditi fino a 8.200 euro, gli invalidi, i cittadini che soffrono di malattie croniche. Le detrazioni dalle imposte del 19% delle spese mediche, sono fisse e a prescindere dal reddito. Con l'aggiunta che chi guadagna poco e non paga affatto le tasse, o ne paga molto poche, non ha i margini per godere del beneficio fiscale, che finisce solo ai soggetti più ricchi.

Leggi: 

- Ticket sanitario, come ottenere l'esenzione

- Esenzione ticket sanitario, a chi spetta

(16/03/2017 - Gabriella Lax) Foto: www.salute.gov.it
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Riforma pensioni 2019
» Alimenti ritirati dal ministero della Salute: la lista aggiornata
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss