Sei in: Home » Articoli

Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi

Da oggi in vigore il decreto sicurezza che cambia il reato ex art. 639 del codice penale
muro sporcato da graffiti

di Marina Crisafi - Giro di vite contro chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati. Da oggi, chiunque si renda colpevole di imbrattamento oltre al carcere fino a 6 mesi e alla multa fino a mille euro, potrà scattare l'obbligo di ripulire ovvero di pagare le spese necessarie. A prevederlo è il decreto sicurezza, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale (qui sotto allegato) e in vigore da oggi, che introduce una serie di misure in materia di sicurezza urbana con notevole rafforzamento dei poteri dei sindaci e la previsione del c.d. "Daspo" cittadino (leggi: "Chi sporca la città pulisce e Daspo a chi non rispetta le regole: ecco il decreto").

Tra le tante novità, il decreto va a novellare anche l'art. 639 del codice penale, aggiungendo un quinto comma, in base al quale: "con la sentenza di condanna per i reati di cui al secondo e terzo comma il giudice, ai fini di cui all'articolo 165, primo comma, può disporre l'obbligo di ripristino e di ripulitura dei luoghi ovvero, qualora ciò non sia possibile, l'obbligo a sostenerne le relative spese o a rimborsare quelle a tal fine sostenute". Laddove il condannato non si opponga, la previsione può essere sostituita dalla "prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate nella sentenza di condanna".

Resta ferma la pena della reclusione da 3 mesi a un anno e della multa da mille a 3mila euro, se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico e l'aggravante, fino a due anni di reclusione e fino a 10mila euro di multa, nei casi di recidiva.

D.l. sicurezza
(21/02/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF