Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Fino a 500 euro di multa per chi nutre i piccioni

Da Massa Carrara a Savona, passando per Roma, fioccano le ordinanze anti piccioni nei vari comuni
piccioni che mangiano per strada

di Gabriella Lax - Multe dai 25 ai 500 euro per chi verrà scoperto a dar da mangiare ai piccioni. A dichiarare guerra ai volatili è il comune di Massa Carrara che ha deciso di punire con multe salate chiunque sarà beccato a nutrirli. Un provvedimento necessario in primis per prevenire malattie, perché i piccioni sono in cielo ciò che i topi sono sulla terra, ovvero portatori di parassiti e malattie di vario genere. Tuttavia il danno non riguarda soltanto la possibilità di trasmettere malattie infettive a uomini e animali domestici, ma si allarga anche al problema degli escrementi. Le deiezioni dei piccioni, così come le loro carcasse, creano danni e degradano le strutture urbane, sia ai monumenti che agli edifici pubblici e privati, per non dire dei marciapiedi, costringendo a continui interventi di recupero, manutenzione e pulizia, con relativi oneri a carico delle casse comunali. Ma gli interventi previsti dall'ordinanza non si limitano alle multe. C'è una parte del provvedimento indirizzata a proprietari o amministratori dei posti in cui gli avversati volatili stazionano o peggio ancora hanno fatto il nido. Ad essi spetterà rimuovere gli eventuali escrementi su terrazzi, soffitte e cornicioni, facendo seguire l'intervento da un'accurata pulizia e disinfestazione delle superfici interessate. Inoltre bisognerà installare dispositivi meccanici che impediscano ai piccioni di avvicinarsi per nidificare. 

Ma ordinanze simili non rappresentano un unicum nel paese. Lo stesso è successo, di recente, a Sassello, in provincia di Savona, con analoghe multe da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro per chi dà da mangiare ai i piccioni. Anche in questo caso «È vietato a chiunque somministrare cibo di ogni genere, compresi scarti alimentari, per alimentare i piccioni presenti allo stato libero in paese» ed i proprietari di edifici, inoltre, sono invitati, a loro cura e spese, a schermare con reti a maglie sottili ogni apertura dei fabbricati dove possano nidificare questi uccelli. Non solo. A Livorno c'è il regolamento Tutela animali del Comune che, all'ultimo comma dell'articolo 6, vieta di dare da mangiare ai piccioni: "È in ogni caso vietato a chiunque somministrare o abbandonare cibo ai colombi di città, ad eccezione degli allevatori di colombi domestici o viaggiatori". Per evitare, anche in questo caso, di far proliferare, dando le briciole ai volatili, sporcizia e il rischio di aumento delle presenze dei topi, attirati dalle carcasse. E persino nella capitale, un'ordinanza della scorsa primavera vieta non solo di dar da mangiare a colombi, ma addirittura ai gabbiani e agli animali domestici.

(03/01/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» Anche quest'anno per Natale "regala" un avvocato
» Il falso ideologico
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF