Sei in: Home » Articoli

Le clausole di claw-back

Cosa sono, quando sono nate e quando sono obbligatorie
scrive penna

di Redazione - Le clausole di claw-back sono particolari clausole contrattuali che prevedono la possibilitÓ di esigere la restituzione - totale o parziale - della parte variabile del compenso di un manager, dirigente o, in alcuni rari casi, impiegati. In buona sostanza, queste clausole permettono di richiedere una restituzione del denaro elargito come premio di produttivitÓ o di altri tipi di benefit economici, solo se sussiste una giusta causa: la restituzione potrÓ essere richiesta a fronte di colpa grave, come ad esempio dopo un danno diretto al patrimonio aziendale.

Storia delle clausole claw-back

Queste particolari clausole sono una novitÓ nel panorama del diritto contrattuale italiano. La loro introduzione si Ŕ resa necessaria dopo le numerose crisi bancarie degli ultimi anni: l'uso delle clausole di claw-back Ŕ diretto ad impedire che le retribuzioni elargite sotto forma di premio siano eccessivamente sproporzionate rispetto all'effettivo contributo del lavoratore in azienda e garantiscono, nel contempo, che le retribuzioni premio siano effettivamente sostenibili all'interno del bilancio aziendale. Essenzialmente, il claw-back Ŕ un sistema di malus che va a controbilanciare i bonus aziendali, eliminandoli lÓ dove non risultino meritati. Questo tipo di clausola Ŕ stata inventata e coltivata dal mondo finanziario anglosassone, ma Ŕ correntemente utilizzata anche per i contratti manageriali in altri settori. Le clausole di claw-back sono state introdotte anche in Italia a seguito di altre norme mirate a consolidare il patrimonio delle varie banche italiane, riducendone le spese: questo tipo di clausola attira il plauso dell'opinione pubblica, in quanto strettamente legata al concetto di meritocrazia.

Obblighi d'integrazione del claw-back

Con l'aggiornamento delle disposizioni di vigilanza per le banche, emesso il 17/12/2013, la Banca d'Italia ha reso obbligatoria l'inclusione delle clausole di claw-back per i contratti di tutti i dipendenti delle banche italiane. Questa norma Ŕ attiva per tutti i contratti stipulati dopo il 1 Gennaio 2015: al momento dunque, ogni nuova assunzione nel sistema bancario, qualunque sia l'inquadramento lavorativo, prevede l'inclusione in contratto di una clausola di claw-back. Non esistono obblighi simili per nessun altro settore professionale.

(12/09/2016 - Redazione)
Le pi¨ lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullitÓ della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito Ŕ miliardario
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF