Sei in: Home » Articoli

Raccogliere la pioggia è reato?

Se in Italia utilizzare l'acqua piovana per innaffiare o lavare la propria auto è lecito, lo stesso non accade all'estero
secchio per raccogliere acqua piovana

di Valeria Zeppilli – In Italia sembra normale che, almeno nelle proprietà private, il titolare del relativo diritto possa liberamente raccogliere l'acqua piovana che convoglia spontaneamente nelle loro terre. Ma, in realtà, altrove, non è così scontato. Anzi: in uno dei paesi notoriamente più evoluti del mondo occidentale, gli Stati Uniti d'America, molti proprietari si sono visti negare per legge la possibilità di appropriarsi della pioggia caduta nelle loro terre. Il motivo? Non appartiene a loro.

Simili legislazioni, ad esempio, sono state adottate nello Utah e a Washington, sulla scia di un dibattito in realtà molto diffuso in materia di lotta alla siccità e in considerazione del nuovo interesse circa i metodi di conservazione delle acque. Tanto che la recentissima legalizzazione dei barili per la raccolta delle acque piovane su immobili residenziali in Colorado è stata vista come una vera e propria conquista per i cittadini, non così scontata dopo anni di proibizioni.

In Italia, per fortuna, sembrerebbe proprio che sistemare un bidone in giardino per raccogliere la pioggia e annaffiarci l'orto e le piante o lavarci la macchina sia un comportamento legale.

Gli unici limiti che il nostro ordinamento pone al convoglio delle acque piovane, infatti, riguardano la normativa a tutela dell'ambiente e interessano chi ne cura in generale la gestione, il trattamento, l'immissione e lo scarico.

Anche guardando a quanto accade oltreoceano, insomma, non possiamo lamentarci!

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/06/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss