Sei in: Home » Articoli

PCT: tribunale di Roma dichiara inammissibile un ricorso per ingiunzione perché il PDF non è copia-incolla

Secondo la cancelleria, sul pdf ricevuto (un word nativo trasformato in pdf), non si può né evidenziare, né sottolineare, né fare copia e incolla
sorpresi stupore stupiti bamboccioni ops incredibile
Riportiamo all'attenzione dei lettori un curioso post comparso nel gruppo "in difesa dell'avvocatura medio-bassa" in cui si legge che il Tribunale capitolino ha dichiarato inammissibile un ricorso monitorio perchè non copia-incollabile.

Nel post in questione si trascrive il testo di una segnalazione dell'Avv. Clara Mazzarella:

"Decreto ingiuntivo, dichiarato inammissibile dal Tribunale di Roma, perché, secondo la Cancelleria, sul pdf che hanno ricevuto (e si tratta di un word nativo trasformato in pdf), non si può né evidenziare, né sottolineare, né fare copia incolla e quindi riportarsi il nome della parte e il codice fiscale. Ragion per cui il decreto ingiuntivo è dichiarato inammissibile e il cittadino ripaga il contributo unificato!
Il Giudice ha precisato che non è un problema suo se il Tribunale di Roma non ha gli strumenti per trasformare il pdf ricevuto, comunque generato da un Windows10, in formato word e ricopiare i dati che alla Cancelleria del Tribunale di Roma interessano".

Quale è la vostra opinione in merito a questo singolare provvedimento?
Dite la vostra votando il sondaggio o lasciando un commento.

Il sondaggio è aperto vota anche tu:

(20/05/2016 - Redazione)
In evidenza oggi:
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione
» Bestemmia: multa solo per chi offende Dio
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss