Sei in: Home » Articoli

Cassazione: misure cautelari solo se "tempestive"

Se passa molto tempo dal reato si riduce il rischio della reiterazione. La concretezza del pericolo e la sua attualità devono essere valutate in maniera separata e autonoma
Uomo in manette

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 15924/2016, depositata il 18 aprile (qui sotto allegata), la Corte di cassazione è tornata a pronunciarsi in materia di misure cautelari.

In particolare, con tale pronuncia i giudici hanno precisato che se dalla commissione del reato è trascorso un arco temporale abbastanza lungo, tale circostanza depone a favore della mancanza di occasioni prossime favorevoli alla reiterazione dell'illecito.

Tale presunzione, peraltro, a detta della Corte non può essere superata da considerazioni astratte e generiche: l'attualità dell'esigenza cautelare, infatti, non è strettamente connessa alla sua concretezza, ma tali aspetti devono essere valutati in maniera autonoma e separata.

Del resto, l'attualità dipende dalla presenza di occasioni prossime al reato, mentre la concretezza dipende dalla capacità a delinquere del reo: il giudizio di concretezza, pertanto, non si risolve nel giudizio di attualità, così come il giudizio di attualità non si risolve nel giudizio di concretezza.

Nel caso sottoposto all'attenzione della Corte e deciso con la sentenza in commento, invece, l'ordinanza che aveva disposto la custodia cautelare in carcere in luogo degli arresti domiciliari aveva dato un peso decisamente preponderante alla concretezza del pericolo di recidiva, legato alla gravità del reato contestato e alla personalità del suo autore, lasciando del tutto in secondo piano le necessarie valutazioni sull'attualità del pericolo stesso. Non era stato dato, infatti, alcun peso alla circostanza che l'imputato non aveva posto in essere alcun episodio delittuoso a distanza di un anno e mezzo dal reato.

Invece, come ricordato dai giudici, la distanza temporale tra i fatti contestati e il momento della decisione cautelare comporta un rigoroso obbligo di motivazione circa l'attualità del pericolo e la scelta della misura.

Di conseguenza, l'ordinanza impugnata va annullata con rinvio al Tribunale del riesame per una nuova valutazione circa la sussistenza delle esigenze cautelari.

Corte di cassazione testo sentenza numero 15924/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/04/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF