Sei in: Home » Articoli

Fermo amministrativo valido anche senza notifica dell'intimazione di pagamento

La procedura, alternativa all'espropriazione forzata, non richiede la previa notifica dell'intimazione ad adempiere l'obbligazione
Auto con sovrapposto un lucchetto
di Lucia Izzo - Valido il fermo amministrativo del veicolo del contribuente anche se non stata preventivamente notificata l'intimazione di pagamento di Equitalia.

Lo ha stabilito la Commissione Tributaria Regionale di Roma, con la sentenza n. 6245/2015, pubblicata dalla 29esima sezione.
La Commissione non ha accolto il ricorso di un uomo in opposizione al fermo amministrativo della sua auto, effettuato per non aver costui pagato le relative cartelle all'Irpef.

Il ricorrente lamenta che l'ente di riscossione non gli aveva preventivamente notificato l'avviso di pagamento, ma una simile tesi non merita accoglimento per i giudici tributari.
Il collegio evidenzia che la Corte di Cassazione, con l'ordinanza numero 26052 depositata il 5 dicembre 2011, ha stabilito che il fermo amministrativo valido anche se, nell'anno precedente, al contribuente non stato notificato alcun avviso

Per la Corte "il fermo amministrativo dei beni mobili registrati atto funzionale a portare a conoscenza del debitore la pretesa dell'Amministrazione finanziaria, ma non inserito come tale nella sequenza procedimentale dell'espropriazione forzata; pertanto il concessionario non deve provvedere alla preventiva notifica dell'avviso contenente l'intimazione ad adempiere l'obbligazione risultante dal ruolo ex articolo 50, comma 2, del Dpr. n. 602/73, disposizione, questa, applicabile solo nel circoscritto ambito dell'esecuzione forzata".
Si tratta, infatti, di procedura alternativa rispetto all'espropriazione forzata che non si identifica con questa.
(29/01/2016 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie
» Insetti a tavola: dal 1 gennaio in vigore il nuovo regolamento europeo
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF