Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: alla manutenzione degli elementi decorativi di un balcone concorrono tutti i condomini

Tribunale di Bari: Gli elementi decorativi dei balconi sono regolati da una disciplina diversa in materia di spese rispetto ad altri interventi di manutenzione dei balconi.
condominio architetto progetto costruzione
di Valeria Zeppilli – Anche se qualche condomino è disinteressato all'estetica complessiva dell'edificio in cui vive, ciò non vuol dire che egli possa ritenersi esonerato dalla ristrutturazione degli elementi che questa estetica contribuiscono a realizzare.

Lo ricorda un'interessante pronuncia del Tribunale di Bari, la numero 1611 del 2015, in cui si chiarisce che nel caso di lavori di manutenzione che interessano elementi decorativi dei balconi di un edificio, a partecipare alle spese sono chiamati tutti i condomini e non soltanto quelli che sono proprietari dei balconi aggettanti sui quali essi si trovano.

Gli elementi decorativi dei balconi, infatti, sono regolati da una disciplina diversa in materia di spese rispetto ai balconi.

Mentre questi ultimi sono un mero prolungamento dell'appartamento cui competono, con la conseguenza che la loro manutenzione spetta solo ai proprietari, i frontalini, gli intradossi e, in generale, tutti gli elementi decorativi contribuiscono all'estetica complessiva dell'edificio. Di conseguenza le spese per sistemarli vanno sostenuti da tutti i condomini.

Niente da fare dunque per il proprietario di un appartamento che voleva esonerarsi dal pagamento dei lavori di ristrutturazione degli elementi decorativi: dato che la maggiore gradevolezza dell'edificio che deriva dai frontalini e dagli intradossi lo interessa (volente o nolente), egli deve concorrere alle spese.

La delibera assembleare impugnata, secondo quanto stabilito dalla sezione civile del Tribunale di Bari, è quindi del tutto legittima.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/01/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss