Sei in: Home » Articoli

Equa riparazione: spetta anche se il giudice adito era incompetente a decidere

Il diritto è indipendente sia dalla vittoria o dalla soccombenza, che dalla consistenza economica o dall'importanza sociale della vicenda
Una lumaca vicino a un martello simbolo del potere giudiziario

di Valeria Zeppilli – Nove anni in attesa che la prima udienza sia fissata sono davvero troppi e il diritto all'equa riparazione non può essere negato...neanche se il giudice adito era incompetente a decidere!

A stabilirlo è la sentenza numero 47/2016 della Corte di cassazione, depositata il 5 gennaio 2016 (qui sotto allegata).

Nel caso di specie, in particolare, il danno da illegittima durata del processo era lamentato da un medico che, dopo essersi rivolto al T.a.r. per veder tutelato il suo diritto a partecipare al concorso pubblico per la nomina da primario, aveva dovuto attendere ben nove anni prima che il tribunale amministrativo fissasse la prima udienza.

Non importa che poi il ricorso fu dichiarato inammissibile (un anno dopo la discussione) per difetto di giurisdizione del giudice amministrativo: il sanitario deve essere risarcito.

Secondo la Corte di cassazione, infatti, il diritto all'equa riparazione previsto dalla legge Pinto del 2001 spetta a tutte le parti del processo ed è indipendente sia dal fatto che esse siano risultate vittoriose o soccombenti, sia dalla consistenza economica o dall'importanza sociale della vicenda.

I giudici hanno peraltro precisato che il danno non patrimoniale è una conseguenza di certo non automatica, ma normale della violazione del diritto alla ragionevole durata del processo.

Esso, di conseguenza, deve essere ritenuto sussistente anche solo in ragione dell'oggettivo riscontro di detta violazione, senza che vi sia bisogno una prova specifica.

Il ricorso del medico va quindi accolto. Parola ora al giudice del rinvio.

Corte di cassazione testo sentenza numero 47/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/01/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss