Sei in: Home » Articoli
 » Multe

La Cassazione contro i parcheggi selvaggi: anche i residenti pagano la multa!

Il riconoscimento ai privati dell'interesse legittimo a transitare o parcheggiare nelle Ztl non giustifica le violazioni alle regole normali di circolazione
divieto sosta multe
di Valeria Zeppilli – Ultimamente, per i residenti dei centri storici di molte città italiane, quella per i parcheggi sta diventando una vera e propria battaglia quotidiana.

Con la pedonalizzazione delle zone centrali senza adeguamento delle aree di sosta, infatti, non è raro vagare intorno casa alla ricerca di un posto dove sostare.

E non mancano gli automobilisti che, stanchi e desiderosi di rientrare nelle proprie abitazioni, lasciano il proprio mezzo in divieto di sosta, fiduciosi di farla franca sino all'indomani.

Ma questo atteggiamento, si sa, non è lecito. Né lo rende lecito il fatto che i posti assegnati ai residenti siano occupati.

A ricordarlo è la Corte di cassazione che, con la sentenza numero 24353/2015, depositata il 30 novembre (qui sotto allegata), ha chiarito che i residenti che hanno permesso di transito e di sosta nelle zone a traffico limitato non possono ottenere dal Comune il risarcimento dei danni subiti in conseguenza delle multe ricevute per aver parcheggiato in divieto di sosta dopo aver trovato occupati i posti loro assegnati.

Nel caso di specie, i ricorrenti asserivano che l'amministrazione comunale non si sarebbe attivata per garantire in maniera adeguata il loro diritto di parcheggiare e circolare in una determinata zona con circolazione limitata.

La Cassazione, però, non ci sta e ricorda che il riconoscimento ai privati di un interesse legittimo, come quello di transitare o parcheggiare nelle zone a traffico limitato, non giustifica di certo delle violazioni alle regole normali di circolazione né legittima i residenti ad agire indiscriminatamente. Ciò neanche nel caso in cui non sia concretamente possibile l'esercizio della prerogativa di cui essi sono titolari.

Insomma: anche se gli stalli destinati al parcheggio in aree riservate sono occupati, i privati rimasti insoddisfatti nelle loro aspettative legittime non hanno comunque il diritto di parcheggiare in divieto di sosta o di fermata.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24353/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/12/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati e gratuito patrocinio: compensi più equi
» Voucher lavoro: cosa cambia dopo il decreto dignità
» La diffida ad adempiere
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss