Sei in: Home » Articoli

Militari: ci si può opporre al trasferimento d'autorità privo di motivazione?

Nota di commento e di sintesi alla sentenza del Tar Campania sez. sesta n. 3268/2015
Auto della guardia di finanza

Avv. Francesco Pandolfi - Il comando regionale della Guardia di Finanza dispone il trasferimento d'autorità, con effetto immediato, di un maresciallo, avendo ravvisato alcune situazioni di presunta incompatibilità ambientale tra il militare e il contesto di lavoro.

Si tratterebbe di fatti desunti da segnalazioni anonime...

Il timore per l'amministrazione è che, comunque, tale conflitto porti a pregiudicare il prestigio, l'autorevolezza e l'immagine del corpo, oltre a generare negative ripercussioni sull'ordinato svolgimento del servizio nello specifico territorio.

Ora, se questa è la posizione del comando, il militare ritiene però che tale provvedimento sia basato su una "penuria" di elementi probatori, oltre a non contemplare un'adeguata motivazione.

In altri termini egli, pur perfettamente consapevole che l'orientamento prevalente conferma la non esistenza di un obbligo di specifica motivazione del provvedimento di trasferimento del personale militare, sa però anche che l'Amministrazione deve far riferimento a specifiche situazioni collegate al provvedimento adottato, ossia alle necessità organiche o gli impegni tecnico operativi o anche a validi motivi di opportunità connessi alle vicende attinenti alla ritenuta compromissione del prestigio sopra richiamato.

Pertanto: sarà sicuramente corretto affermare che vi è inesistenza di un obbligo di specifica motivazione, ma è altrettanto vero che non può esservi assenza totale di motivazione.

Cosa fare nei casi analoghi?

E' semplice.

Appurare se il provvedimento che dispone il trasferimento d'autorità si basa su carenti riferimenti e/o mancano precise circostanze di tempo e luogo, in modo tale che non sono agevolmente verificabili le ragioni stesse del provvedimento.

Se è così, promuovere il ricorso amministrativo, chiedendo al Tar l'annullamento dell'atto oltre che dei documenti allegati e connessi.

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

blog: www.pandolfistudiolegale.it


Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(05/11/2015 - Avv.Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF