Sei in: Home » Articoli

Commissione permanente politiche Ue: approvato emendamento che cancella multe a società partecipate

È stato approvato dalla Commissione politiche Ue, un emendamento sulla legge comunitaria che andrà a cancellare multe e sanzioni a carico di società partecipate dallo Stato, anche oltre il 50%, quando il pagamento va ad un'altra pubblica amministrazione. L'emendamento è stato fortemente criticato dall'Italia del Valori che lo ha definito una norma fatta appositamente per salvare Cda Rai e Finmeccanica. "Sono spudorati e senza ritegno - tuona Antonio Borghesi, il vicepresidente di Idv alla Camera dei Deputati. Dopo l'emendamento sulla responsabilità civile dei magistrati ora salta fuori la norma salva Cda Rai e Finmeccanica.
Una sorta di cancella debiti vergognosa che danneggia lo Stato e i cittadini. Grazie, infatti, ad un nuovo emendamento, infilato nella comunitaria, non costituisce più danno erariale il pagamento di ammende o sanzioni da parte delle predette società, quando il pagamento va a favore di un'altra pubblica amministrazione”. “La cosa eclatante – ha aggiunto Borghesi – è che questa norma varrà anche per le tutte le sanzioni da evasione fiscale e sarà retroattiva anche nei confronti di sentenze già emesse. Non solo, la norma si applicherà anche a tutte le società di enti pubblici che gestiscono servizi pubblici locali e che sono circa 7.000".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF