Sei in: Home » Articoli

Codacons: ogni cittadino in media ha contratto debiti per 1.864 euro

Dopo l'allarme di Bankitalia anche il Codacons denuncia che le famigli eitaliane sono sempre pi indebitate. I prestiti - si legge in un comunicato stampa dell'associazione - hanno registrato un aumento record del 20,8% nel periodo luglio 2009 e luglio 2010. Ora uno studio del Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (costituito da Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) analizza le differenze esistenti fra le varie regioni sotto il profilo del credito al consumo. Questo settore ha subito un vero e proprio boom negli ultimi anni - spiega l'associazione richiamando le analisi di Casper - principalmente a causa della forte perdita di potere d'acquisto dei cittadini dovuta alle speculazioni sui prezzi verificatesi nel nostro paese, cittadini che sono stati cos costretti a indebitarsi anche per le spese sanitarie o per i viaggi. Anche se il 2010 fa registrare un leggero rallentamento i dati sonno rpeoccupanti giacch gli italiani non hanno pi soldi per contrarre ulteriori prestiti.
Il debito procapite - spiega l'associazione - in media di 1.864 euro.
(21/09/2010 - Notiziario)
Le pi lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c' il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos' e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa  incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione:  reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF