Sei in: Home » Articoli

Regolarizzazione della badante, l'avvio del procedimento esclude l'arresto

L'avvio del procedimento di regolarizzazione della badante preclude l'applicazione dell'arresto . la Suprema Corte, chiamata a pronunciarsi sul caso in esame, ha ritenuto di poter accogliere le motivazioni spiegate dalla ricorrente con la propria impugnativa e con sentenza n. 24814 del 1° luglio 2010, la prima sezione ha annullato, senza rinvio, l'ordinanza con cui il giudice del Tribunale di Milano aveva convalidato l'arresto in flagranza di una donna straniera indagata per il reato di permanenza illegale sul territorio dello Stato. La donna nel proprio motivo di gravame si era opposta a questa decisione adducendo a sostegno della propria tesi difensiva che già in epoca antecedente all'arresto, aveva presentato, unitamente al proprio datore di lavoro,come previsto dalla legge n. 102/09 sulla sanatoria per le badanti e lavoratrici domestiche, domanda di emersione dal lavoro irregolare.
Fatti dei quali erano stati immediatamente informati tanto i carabinieri che avevano proceduto all'arresto quanto in giudice procedente. Secondo gli ermellini la sospensione del procedimento penale previsto dalla speciale normativa fino alla definizione della procedura amministrativa di emersione dal lavoro irregolare per determinate categorie di lavoratori stranieri implica l'automatica sospensione del procedimento penale per determinati reati fino alla definizione della procedura e la convalida di arresto deve essere ricompresa tra gli atti penali soggetti alla sospensione
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Lavoro: statali, arriva la stretta su malattie e permessi
» Mantenimento: al via l'aiuto di Stato per l'assegno all'ex
» Animali in casa: tutte le agevolazioni fiscali
» Permessi 104: il dipendente può essere pedinato
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF