Sei in: Home » Articoli

Tar Lombardia: Anche lo spacciatore ha diritto al permesso di soggiorno. Se ha un contratto di lavoro

Il cittadino extracomunitario che è stato condannato per reati di spaccio di stupefacenti può ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno se è in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. E' quanto afferma la prima sezione del Tar Lombardia (sentenza n. 2313/2010) spiegando che è necessario applicare l'art. 5 comma 5 del Dlgs.286/1998, che "impone di dare rilievo agli elementi sopravvenuti sananti. Nel caso in esame tali elementi sono stati accertati, e positivamente valutati, dalla stessa amministrazione. In sostanza, secondo il Tar si può escludere la pericolosità sociale stante gli sviluppi del rapporto tra il cittadino straniero e l'ordinamento italiano. Il Tar ha preso in considerazione anche il tempo trascorso dalla commissione del reato e della sistemazione lavorativa nel frattempo conseguita. Tanto è bastato per consentire la permanenza in Italia. Questa soluzione - si legge in sentenza - "appare coerente con la normativa comunitaria sui soggiornanti di lungo periodo (v. Dir. 25 novembre 2003 n. 2003/109/CE), che pur non essendo direttamente applicabile al caso in esame costituisce comunque un utile termine di confronto". Nell'ottica comunitaria, conclude il Tar l'allontanaento dell'extracomunitario che abbia stabilito con il Paese di soggiorno rapporti prevalenti rispetto al paese d'origine può essere allontanato solo in rpesenza di "una minaccia effettiva e sufficientemente grave per l'ordine pubblico e la pubblica sicurezza"
(02/07/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Vaccini: 75mila firme per la petizione contro il decretoVaccini: 75mila firme per la petizione contro il decreto
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF