Sei in: Home » Articoli

Telelaser: la multa è legittima anche se manca il supporto fotografico.

autovelox multe
La Cassazione con la sentenza n. 10924 del 5 maggio 2010 ha riconosciuto la legittimità di una multa effettuata con il Telesar, anche in mancanza del supporto fotografico, attesa la particolare efficacia probatoria dell'attestazione effettuata dall'agente accertatore che può essere messa in discussione solo utilizzando la querela di falso e non utilizzando altri mezzi di prova messi a disposizione dall'ordinamento giuridico . Nel caso di specie il conducente si era opposto alla sanzione amministrativa avvalendosi della prova testimoniale. In particolare sono stati portati tre testimoni i quali hanno confermato che lo sventurato automobilista non era lanciato a velocità superiore al limite consentito, come invece contestato dall'agente . La Corte, investita della questione, ha così avuto modo di chiarire come, in tema di accertamento delle violazioni dei limiti di velocità a mezzo apparecchiature elettroniche gestite dagli organi di polizia stradale, è necessario che tali apparecchiature risultino debitamente omologate, mentre la riferibilità della velocità rilevata al determinato veicolo resta affidata all'attestazione dell'organo di polizia stradale, non risultando necessaria la documentazione fotografica della vettura che ha commesso l'infrazione, poiché tale attestazione è assistita da efficacia probatoria fino a querela di falso, mentre è suscettibile di prova contraria unicamente il difetto di omologazione o di funzionamento dell'apparecchiatura elettronica.
(18/05/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Processo civile: l'opposizione agli atti esecutivi
» Il ricorso per Cassazione - Guida legale e fac-simile
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
In evidenza oggi
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF