Sei in: Home » Articoli

Cassazione. Equo indennizzo: Danno non patrimoniale sempre presunto. Onere della prova grava su amministrazione resistente.

Con la sentenza 1099 depositata il 22 gennaio 2010 la Prima sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che, in caso di lesione del diritto alla ragionevole durata del giudizio, il danno non patrimoniale si presume sino a prova contraria. Per questo motivo non grava sul ricorrente l'onere di allegazione della prova sull'insussistenza del danno, ma sull'amministrazione ricorrente che, pertanto, è tenuta a dover fornire elementi idonei a far escludere la sussistenza di un tale danno in concreto. Secondo la ricostruzione della vicenda, il ricorrente si era visto rigettare la domanda di equo indennizzo proposta alla Corte d'Appello: i giudici di prima istanza, pur avendo riconosciuto l'irragionevole durata del processo, avevano rigettato la richiesta di equo indennizzo per il solo rilievo basato sulla mancanza della prova del danno (subita dallo stesso ricorrente) prodotta in giudizio.
Accogliendo il ricorso del ricorrente, gli Ermellini hanno infatti stabilito che la circostanza che “non fossero stati specificati gli elementi costitutivi del danno non patrimoniale da ciascuno di essi lamentato, non poteva avere rilievo al fine di escludere l'indennizzabilità del pregiudizio”. La Corte ha inoltre aggiunto che “ininfluente, a tal fine, è il fatto che la causa avesse avuto esito negativo e che tale esito fosse in qualche modo prevedibile, giacché l'esito favorevole della lite non condiziona il diritto alla ragionevole durata del processo, ne' incide di per sé sulla pretesa indennitaria della parte che abbia dovuto sopportare l'eccessiva durata della causa, salvo che essa si sia resa responsabile (…) di lite temeraria o, comunque di un vero e proprio abuso del processo”.
(29/01/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF