Sei in: Home » Articoli

Cassazione: confisca per equivalente va applicata solo al prezzo del peculato

Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione (Sent. n. 38691/2009) hanno stabilito che in mancanza di norme omogenee, la confisca per equivalente può essere applicata solo al prezzo del reato di peculato e non al profitto. Gli Ermellini in particolare hanno osservato che “la previsione della ‘confisca per equivalente' (…) – nel caso in cui i beni costituenti il profitto del prezzo del reato non siano aggredibili per qualsiasi ragione – è rivolta a superare gli ostacoli e le difficoltà per la individuazione dei beni in cui si ‘incorpora' il profitto iniziale, nonché ovviare ai limiti che incontro la confisca dei beni di scambio o di quelli che ne costituiscono il reimpiego". Secondo la corte ciò determina che "la stessa confisca per equivalente – alla quale è funzionale il sequestro preventivo di ciò che a tale provvedimento ablativo può essere soggetto all'esito del procedimento – può riguardare (a differenza dell'ordinaria confisca prevista dall'art. 240 cod. pen., che può avere ad oggetto soltanto cose direttamente riferibili al reato) beni che, oltre a non avere alcun rapporto con la pericolosità individuale del reo, neppure hanno alcun collegamento diretto con il singolo reato". Nella parte motiva della sentenza la Corte spiega che la ratio dell'istituto è quella di "privare il reo di un qualunque beneficio economico derivante dall'attività criminosa, anche di fronte all'impossibilità di aggredire l'oggetto principale, nella convinzione della capacità dissuasiva e disincentivante di tale strumento, che assume ‘i tratti distintivi di una vera e propria sanzione”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/10/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF