Sei in: Home » Articoli

Cassazione: costi assunzioni? Subito detraibili

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 8482/2009) ha stabilito che le spese di assunzione del personale sostenute dalle imprese possono essere detratte interamente nell'anno in cui sono state realmente sostenute. Infatti “non si tratta di costi relativi a più esercizi". La Corte ha quindi affermato che “le spese di assunzione del personale a tempo indeterminato non sono spese relative a più esercizi ex art. 74.3 DPR 22 dicembre 1986, n. 917”. Difatti, nel caso di specie, gli Ermellini hanno chiarito che “se si aderisce, come il Collegio ritiene di dover fare, al criterio fissato nella sentenza di questa Corte 10 aprile 2006, n. 8344, secondo il quale è onere dell'impresa indicare specifici criteri per stabilire la quota di costo imputabile a ciascun esercizio, occorre prender atto che, avendo la Società dichiarato che tale imputabilità è impossibile per le spese di assunzione di nuovi dipendenti a tempo indeterminato, si tratta di verificare la rilevanza giuridica di tale assunto. Che le spese sostenute per selezionare del personale a tempo indeterminato siano ‘altre spese relative a più esercizi', ai sensi dell'art. 74.3 TUIR, è da escludere sol che si consideri che è la spesa del personale a tempo indeterminato già assunto che, come dice la sentenza impugnata ‘tende a prolungarsi per un arco di tempo superiore all'anno, mentre la spese affrontata per l'assunzione del personale si eroga solo nel momento preliminare della selezione.
Lo dimostra il caso estremo in cui la selezione si concluda negativamente, vuoi per il suo esito negativo vuoi per la rinuncia dei selezionati ad essere assunti. In sostanza, la pluriennalità dell'imputabilità delle spese di assunzione del personale è illogica e non è l'oggetto dell'art. 74.3 TUIR”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/04/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF