Sei in: Home » Articoli

Codacons: sotto accusa il Kebab, il pasto arabo più diffuso nel mondo

Secondo un recente comunicato stampa dell'associazione Codacons, il Kebab, l'alimento arabo diffuso su tutta la penisola, sarebbe molto rischioso per la nostra salute in quanto conterebbe quasi il 98% del fabbisogno giornaliero di sale. Stando, infatti, ai dati forniti da un recente studio ad opera di alcuni scienziati inglesi, nelle etichette dei kebab, pasto molto diffuso non solo nel nostro paese ma nel mondo intero, ci sarebbero informazioni in merito a tipi di carne diversi da quelli effettivamente inseriti nella pietanza. Infine, il cibo arabo, fatto a base di pane azzimo, carne, verdure e salse varie a piacimento, conterrebbe circa il 150% del fabbisogno giornaliero di grassi saturi.
“Il kebab da asporto è entrato da tempo nelle abitudini alimentari degli italiani, specie dei più giovani - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - per questo chiediamo al Ministero della salute e alle autorità sanitarie italiane, di effettuare controlli sul prodotto venduto nel nostro paese, per verificare la quantità di sale e di grassi, e possibili effetti dannosi per la salute, oltre che il rispetto delle etichette riportanti gli ingredienti. Qualora dovessero emergere pericoli per i consumatori, non esiteremo a chiedere il sequestro del prodotto in tutta Italia”.
(10/02/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF