Sei in: Home » Articoli

Allarme giocattoli pericolosi: sequestrati oltre 200.000 prodotti falsi

Nei giorni scorsi, la Guardia di Finanza di Pordenone ha sequestrato più di 200.000 prodotti falsi e pericolosi. Secondo i dato forniti dal Codacons in un recente comunicato stampa, il giro di affari dei giocattoli contraffatti rappresenta il 7% del commercio mondiale. L'associazione, da sempre impegnata contro queste problematiche, ha realizzato un logo, “Contraffazione? No, grazie!”, a favore della lotta contro le contraffazioni che finisce per arricchire la criminalità organizzata, nuocendo alla salute dei bambini. L'associazione ha stilato un elenco di consigli utili per acquistare prodotti di qualità ed evitare prodotti pericolosi come ad esempio, acquistare i regali solo in negozi di fiducia, autorizzati e mai dai venditori ambulanti oppure, non comprare prodotti senza le indicazioni in lingua italiana.
La lista continua con l'invito a “conservare sempre lo scontrino, per poter cambiare la merce difettosa” e a “controllare sempre l'età consigliata nelle istruzioni del giocattolo”. I regali, secondo i consigli del Codacons, devono avere il marchio, CE, con la C staccata dalla E. Mentre per i prodotti elettrici, oltre al marchio CE è richiesto il marchio di sicurezza IMQ. I giocattoli non devono essere molto piccoli per evitare che i bimbi ingeriscano alcune parti del prodotto. Questi e molti altri consigli d'acquisto sul sito www.codacons.it.
(28/12/2008 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF