Sei in: Home » Articoli

Cassazione: profitti per le onlus? Si, ma senza divisione degli utili

Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sent. n. 24883/2008) hanno stabilito che la produzione di profitto da parte delle onlus non è incompatibile con la loro natura ma ciò a condizione che gli utili conseguiti non vengano distribuiti. La Corte ha infatti osservato che "come si evince dalle lett. d) ed e) dell'art. 10, comma 1, del d.lgs. 460/1997, la realizzazione di utili non esclude il fine solidaristico dell'attività; per la realizzazione di attività istituzionali connesse […] o che, comunque, non vengano distribuiti […]".
Pertanto, la Corte ha precisato che "in mancanza della prova di un indebito utilizzo degli utili, il solo perseguimento di questi non è sufficiente a determinare la perdita dello status di Onlus".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF