Sei in: Home » Articoli

L'iniziativa provocatoria da parte del Codacons irrita l'AIE - Contro l'aumento dei prezzi, libri gratis per tutti.

“Speriamo non vogliano farci pagare i diritti anche per la Divina Commedia o I Promessi Sposi”. Così Carlo Rienzi, presidente e portavoce del Codacons, commenta il comportamento dell'Associazione Editori Italiani di fronte alla singolare iniziativa del Codacons. Infatti, contro l'aumento sconsiderato che hanno subito i libri scolastici, violando i tetti massimi previsti a livello ministeriale, il Codacons non sta a guardare. Si apprende da un comunicato stampa, che l'associazione metterà sul proprio sito i libri scolastici e ogni materiale didattico per consentire a tutti gli studenti di scaricare la propria personale copia senza spendere una cifra esorbitante, in applicazione dell'art.15 del Decreto-legge 112 del 25 giugno 2008 (convertito nella legge n.133/2008) che permette di accedere gratuitamente ai testi disponibili su internet. Ma l'AIE non vuole assolutamente cedere di fronte a notizie del genere, aggiungendo che il caro-libri è al di sotto del tetto inflazione rilevato dall'Istat e che potrebbe ricorrere alle vie legali qualora il Codacons non desista dall'iniziativa. “Ci sembra – replica il Codacons attraverso la voce del suo Presidente - che gli editori fingano di non capire quale sia il nocciolo della questione, e continuino a difendere esclusivamente i propri interessi a discapito di migliaia di famiglie che devono indebitarsi per acquistare i libri ai propri figli”. “Speriamo – conclude Rienzi - che in Italia vi siano editori più sensibili dell'Aie”.
(23/09/2008 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Il reato
» Il reato permanente
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
In evidenza oggi
Fino a 169 euro di multa per chi guida troppo pianoFino a 169 euro di multa per chi guida troppo piano
Incidenti stradali: responsabilità piena a chi non dà la precedenza all'incrocioIncidenti stradali: responsabilità piena a chi non dà la precedenza all'incrocio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF