Sei in: Home » Articoli

Riforma scolastica: tornano voti in pagella, educazione civica e voto in condotta

Il ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini ha reso noto che sono tre le principali novità per la scuola che inizia a settembre. la reintroduzione dello studio dell'educazione civica, del voto in condotta e dei voti accompagnati da un giudizio esplicativo dei risultati ottenuti. Il Ministro ha anche anticipato la sua intenzione di istituire presto il maesto unico alle elementari e di adottare misure contro il caro libri attraverso un sistema che prevede la riedizione dei testi "solo dove e' strettamente necessario". Ecco i principali contenuti della riforma:

Educazione civica:
Torna dunque nelle scuole l'insegnamento dell'educazione civica che si chiamerà "Educazione alla Costituzione e alla Cittadinanza". L'insegnamento comprenderà anche l'educazione ambientale, l'educazione alla salute e l'educazione stradale. La scuola in questo modo, spiega il Ministro avrà al centro "la persona con ragazzi al corrente dei propri diritti e doveri". "I ragazzi devono conoscere i principi costituzionali e ricevere un'educazione ambientale e alla salute, nonché un'educazione stradale, per prevenire i tanti incidenti che li vedono vittime".

Voto in condotta:
Torna anche il voto in condotta. La valutazione del comportamento degli studenti farà quindi media con i voti conseguiti nelle diverse materie. E se in condotta il voto è 5 la bocciatura diventa automatica. Una decisione, spiega il ministro, nata per l'esigenza di contrastare il crescente fenomeno del bullismo nelle scuole.

Voti in pagella:
Basta con i giudizi "buono", "distinto", "ottimo" d'ora in avanti si torna ai voti numerici anche elle medie e alle elementari anche se nella scuola primaria il voto sarà accompagnato dai giudizi. "Serve chiarezza - ha dichiarato il ministro - per rispondere all'esigenza di definire il livello di apprendimento, bisogna ripristinare ordine e chiarezza. Oggi si e' abusato di giudizi che non sono chiari sui livelli di apprendimento dei ragazzi, per questo con i voti ci saranno dei giudizi esplicativi dei risultati ottenuti".

Il MInistro ha anche anticipato alcuni provvedimenti che verranno approvati in futuro:
1. il ritorno del maestro unico alle elementari che "risponde all'esigenza e alla necessita' di avere un punto di riferimento per i bambini".
2. misure contro il caro libri: "Molti ministri, e in particolare il presidente Berlusconi, vogliono aiutare le famiglie -ha detto la Gelmini- Per questo sara' previsto un forte incentivo del governo per non cambiare i libri se non strettamente necessario. Materie fondamentali, come italiano o la matematica, non cambiano".
Si prevede un periodo da da 3 a 5 anni, entro il quale "i libri non possono essere cambiati".

Correlati:
Decreto Legge 137/2008
Le novità dopo il via libera della Camera
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF