Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anche toccare le caviglie delle donne è reato

La Corte di Cassazione (sentenza 26766) ha confermato la condanna a ben otto mesi di reclusione ad un uomo che aveva osato toccare le caviglie ad una donna. Per la Corte si è trattato di un chiaro approccio di tipo sessuale. Mai dunque allungare le mani, neppure sulle caviglie giacché si riscia una condanna per tentata violenza sessuale. Nella moticazione della Sentenza si legge che il gesto costituisce un atto "prodromico a piu' approfonditi contatti fisici" se la donna è stata sorpresa con "insidiosa rapidità". Nella fattispecie l'uomo aveva seguito la donna fin sotto l'abitazione del suo finanzato e quindi l'aveva afferrata per le caviglie. La decisa reazione della donna faceva desistere l'aggressore e richiamava l'attenzione di un poliziotto che prontamente interveniva sul posto. Inutilmente il giovane si e' difeso in Cassazione sostenendo che "il toccamento di una caviglia non puo' considerarsi atto di intrusione nella sfera sessuale altrui perche' questa zona del corpo non e' qualificata come erogena". I giudici del Palazzaccio hanno respinto il ricorso confermando la decisione di merito in cui si era evidenziato che "il gesto compiuto" dall'aggressore "preceduto da pedinamento, fischi da richiamo e apprezzamento, fosse un chiaro approccio sessuale prodromico a piu' approfonditi contatti fisici, laddove la vittima non si fosse opposta".
Altre informazioni sulla motivazione di questa sentenza
(04/07/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF