Sei in: Home » Articoli

Reato di diffamazione a mezzo stampa: irrilevanza di rettifiche e smentite

La quinta sezione penale della Corte di Cassazione (Sent. 32364/02), ha stabilito che l?elemento soggettivo del reato di diffamazione a mezzo stampa e di omesso controllo dell?informazione, non viene meno né in caso di successiva rettifica dell?informazione né in caso di pubblicazione della smentita proveniente dalla persona offesa. La Corte ha chiarito che al diritto d?informazione della stampa, cui si estende per analogia anche al diritto di cronaca ?si accompagna il dovere, penalmente sanzionato, di agevolare prontamente il ristabilimento della verità, come si desume dall?art. 8 della Legge sulla stampa 47/1948?. Tali attività sono dunque obbligatorie e non possono far vinire meno le ipotesi di reato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/12/2002 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Commette reato per il praticante che si spaccia per avvocato
In evidenza oggi.
Auto: addio al libretto, arriva il foglio unico
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF