Sei in: Home » Articoli

Cassazione: abituato all'abuso edilizio? Via dalla città

D'ora in avanti chi è troppo incline all'abuso edilizio potrà essere allontanato dalla città anche prima del processo. Parola di cassazione. E' stata infatti convalidata dalla Corte una misura adottata nei confronti di un uomo indagato per avere realizzato un manufatto senza autorizzazione a Porto Santo Stefano. Nonostante il sequestro dell'edificio abusivo, l'uomo aveva continuato a portare avanti la costruzione. E così la Corte ha deciso che data la "pervicacia nel reiterare i comportamenti illeciti", l'autore delgi abusi può essere allontanato per impedire il ripetersi degli illeciti. L'indagato aveva sostenuto a sua difesa che gli interventi successivi eseguiti sull'edificio oggetto di sequestro erano dettati dalla necessita' di eliminare una situazione di pericolo.
Di diverso avviso la Corte che ha convaliodato "il divieito di risiedere in localita' Argentiera di Porto Santo Stefano dove ha sede il fabbricato" abusivo.
(25/01/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF