Sei in: Home » Articoli

Cassazione: principi in tema di sottrazione internazionale di minore

"L'audizione, intesa come strumento per raccogliere le opinioni del minore avente un discernimento sufficiente e per dare forma al diritto dello stesso di partecipare alla sua tutela attraverso un interlocutore che lo ascolta e che lo considera in ciò che dice, postula che il minore riceva le informazioni pertinenti ed appropriate con riferimento alla sua età e al suo grado di sviluppo, a meno che tali informazioni nuocciano al suo benessere". È solo uno dei principi ricavabili dalla lettura di una recente pronuncia della Corte di Cassazione (Sent. n. 16753/2007), resa in un procedimento di sottrazione internazionale di minori.
Facendo poi riferimento alla Convenzione europea sull'esercizio dei diritti del fanciullo di Strasburgo del 25 gennaio 1996, la Corte ha precisato che "quantunque lo Stato italiano, al momento del deposito dello strumento di ratifica, esercitando il dovere di designare 'almeno tre categorie di controversie familiari dinnanzi ad un'autorità giudiziaria cui la presente Convenzione può applicarsi' (art. 1, comma 4), abbia elencato come campo di applicazione della Convenzione di Strasburgo (come risulta dal comunicato del Ministero degli affari esteri 10 settembre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 210 del 10 settembre 2003) soltanto quattro procedimenti (quelli di cui: all'art. 145 cod. civ., in materia di intervento del Giudice in caso di disaccordo tra i genitori, all'art. 244 c.c., u.c., e art. 247 c.c., u.c., in tema di azione di disconoscimento di paternità; all'art. 264 cod. civ., comma 2, in tema di autorizzazione ad impugnare il riconoscimento, e all'art. 274 cod. civ., poi dichiarato costituzionalmente illegittimo con la sentenza n. 50 del 2006; nonché agli artt. 322 e 323 cod. civ., in materia di amministrazione dei beni del minore da parte dei genitori), senza includervi i procedimenti di sottrazione internazionale dei minori e, in genere, di controllo della potestà genitoriale, nondimeno le disposizioni di detta Convenzione relative all'ascolto del minore, per la loro valenza di principio e per il loro significato promozionale, sono suscettibili di influenzare l'attività interpretativa anche nei procedimenti che si collocano al di fuori dell'elenco delle categorie di controversie formulato dallo Stato italiano al momento del deposito dello strumento di ratifica, orientando il senso delle disposizioni di cui il Giudice è chiamato a fare diretta applicazione".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/09/2007 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF