Sei in: Home » Articoli

Pubblico impiego: condizioni per il pagamento delle mansioni superiori

La retribuibilità delle mansioni superiori nel pubblico impiego trova riconoscimento nella sussistenza di tre presupposti, tutti necessari: 1)una base normativa che la preveda; 2)l'esistenza in organico di un posto vacante corrispondente alle mansioni che si vanno a svolgere; 3)un atto di incarico ad opera dell'organo competente E' quanto stabilito dal Consiglio di Stato, Sezione V, nella sentenza 8 maggio 2007, n. 2130. Il collegio, inoltre, richiamando un indirizzo maggioritario ( Cons. St., Ad. Plen., 18 novembre 1999 n. 22), precisa che questa regola, basata su detti presupposti è, comunque, derogatoria a quella di portata più generale che riconosce alla qualifica e non alle mansioni il parametro al quale è riferita obbligatoriamente la retribuzione, in caso contrario sarebbero disattesi i principi di buon andamento e di certezza dell'assetto organizzativo e finanziario delle pubbliche amministrazioni. Nel settore sanitario è da far rilevare che alcune pronunce (CdS, Sez. V - 20 ottobre 2000 n. 56501; CdS, Sez. V, 1 dicembre 2003 n. 7803) hanno ammesso la retribuibilità delle mansioni superiori anche in assenza di formali provvedimenti di incarico, ritenendo sufficiente la puntuale dimostrazione dell'effettivo espletamento delle funzioni corrispondenti al posto vacante (la fattispecie riguardava un aiuto sanitario che aveva esercitato le mansioni di un primario). Gesuele Bellini
Consiglio di Stato, 8.5.2007, n. 2130 - Gesuele Bellini
(16/06/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF