Sei in: Home » Articoli

Cassazione: corsie di emergenza? Previste sanzioni per chi ne abusa senza giustificato motivo

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 7357/2007) ha stabilito che va multato chi usufruisce della corsia di emergenza senza un giustificato motivo. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che spetta all'autore dell'infrazione provare l'esistenza di una "esimente reale o putativa" non essendo sufficiente, continua la Corte, "una mera asserzione sfornita di qualsiasi sussidio, e l'allegazione da parte dell'imputato dell'erronea supposizione della sussistenza dello stato di necessità deve basarsi, non già su un mero criterio soggettivo, riferito al solo stato d'animo dell'agente, bensì su dati di fatto concreti, i quali siano tali da giustificare l'erroneo convincimento in capo all'imputato di trovarsi in tale stato".
Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso di un automobilista multato per aver circolato nella corsia di emergenza. L'uomo si era difeso deducendo di aver utilizzato tale corsia in quanto affetto da "ipoacusia neurosensoriale bilaterale" e che, trovandosi imbottigliato nel traffico, è stato costretto a tale scelta al fine di scongiurare conseguenze negative alla propria salute.
I Giudici della Corte, nella fattispecie, hanno invece ritenuto che "non ricorresse alcuna necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale e immediato di un danno grave alla persona con l'unico mezzo della commissione dell'illecito".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/04/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF