Sei in: Home » Articoli

Legge Pecorella: interviene la Consulta

È stata depositata il 6 febbraio scorso la Sentenza n. 26 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della legge n. 46 del 2006 sull'inappellabilità delle sentenze di proscioglimento, cosiddetta legge Pecorella. I Giudici della Consulta hanno in particolare dichiarato illegittimi l'art. 1 della stessa legge nella parte in cui escludeva che il pubblico ministero possa proporre appello contro le sentenze di proscioglimento e l'art. 10 nella parte in cui prevedeva che l'appello proposto contro una sentenza di proscioglimento del pubblico ministero prima della data di entrata in vigore della medesima legge dovesse essere dichiarato inammissibile. Nella motivazione della Sentenza si legge in particolare che “al di sotto dell'assimilazione formale delle parti – «il pubblico ministero e l'imputato possono appellare contro le sentenze di condanna» (ergo, non contro quelle di proscioglimento) – la norma censurata racchiude una dissimmetria radicale.
A differenza dell'imputato, infatti, il pubblico ministero viene privato del potere di proporre doglianze di merito avverso la sentenza che lo veda totalmente soccombente, negando per integrum la realizzazione della pretesa punitiva fatta valere con l'azione intrapresa, in rapporto a qualsiasi categoria di reati” e che “è evidente, poi, come tale sperequazione non venga attenuata, se non in modo del tutto marginale, dalla previsione derogatoria di cui al comma 2 dell'art. 593 cod. proc. pen., in forza della quale l'appello contro le sentenze di proscioglimento è ammesso nel caso di sopravvenienza o scoperta di nuove prove decisive dopo il giudizio di primo grado”.
Vai alla motivazione della sentenza
(20/02/2007 - Silvia Vagnoni)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: è compatibile con la pensione di reversibilità?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Vaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multaVaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multa
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Cassazione: Il giudizio di responsabilità del magistrato proposto dalla parte non integra motivo di ricusazione
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF