Sei in: Home » Articoli

Origine professionale dell?infarto e risarcimento del danno

L?infarto è di certo una delle malattie del nuovo secolo e sembra proprio che l?aumento numerico dei casi che si verificano ogni anno sia dovuto anche alle condizioni di lavoro stressanti.
Una recente Sentenza del Tribunale di Torino (15/07/2002), ha ora riconosciuto, nelle ipotesi in cui l?infarto abbia avuto origine professionale, la possibilità di richiedere al datore di lavoro il risarcimento del danno.
I Giudici Torinesi hanno osservato come lo stress, i turni massacranti e, più in generale, tutte le condizioni di lavoro cui si può essere sottoposti costituiscono fattori che possono incidere sui problemi di cuore.
La responsabilità del datore di lavoro deriverebbe direttamente dalle previsioni di legge che fanno obbligo allo stesso di predisporre tutte le misure più opportune per la tutela della salute dei propri dipendenti.
Naturalmente, al fine del riconoscimento del diritto sarà comunque necessario provare il rapporto causa ? effetto, tra l?insorgenza della malattia e le effettive condizioni di lavoro.
(22/07/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF