Sei in: Home » Articoli

Amianto: anche gli impiegati tecnici hanno diritto ai benefici previdenziali

Risulta dunque provato che, i ricorrenti nell?espletamento delle loro mansioni e per causa specifica della loro attività lavorativa, dalla data di rispettiva assunzione e fino al 31.12.1990, furono esposti all?amianto in maniera di gran lunga superiore rispetto alla generalità della popolazione. In diritto, si osserva: il beneficio previdenziale di cui si discute è attribuito dall?art. 13, comma 8°, legge 27.3.1992, n. 257 (come modificato con d.1. 5.6. 1993,n. 169, convertito con modifiche dalla legge 4.8.1993, n. 271) ?ai lavoratori che sono stati esposti all?amianto per un periodo superiore a dieci armi?. In base al suo testuale tenore, la norma non stabilisce ? oltre al requisito temporale- alcun valore limite, In piena coerenza con l?acquisita consapevolezza scientifica che non esistono soglie al dl sotto delle quali la esposizione all?amianto sia innocua.
Ne può condividersi la tesi secondo la quale la legge avrebbe posto una ?doppia soglia?, comprensiva cioè del limite minimo delle otto ore giornaliere come affermato da Cass. sez. lav.. 11.6.2003, n. 9399. Ed è appunto per tale consapevolezza, maturata soltanto in anni recenti, che l?art. 1, comma 2°, legge n. 257/1992 citata, ha vietato (dal 28.4.1993) 1?estrazione, la produzione, la commercializzazione, la importazione, la esportazione dl amianto o di ?prodotti contenenti amianto?. Va quindi sottolineato che - a partire dall?entrata in vigore della legge n. 257/1992 ? venne introdotto nel nostro ordinamento il principio secondo il quale l?amianto, sotto ogni forma e In qualsiasi concentrazione aerodispersa, è dannoso per la salute, anche perché idoneo a cagionare non soltanto le patologie fino ad allora conosciute (come l?asbestosi), ma anche una varietà di forme tumorali, la cui eziologia è stata più recentemente diagnosticata. Del resto, la normativa In materia di malattie professionali, prima e dopo 11 1992, non ha fissato alcun limite di concentrazione del materiale dannoso nell?aria, ma ha inteso tutelare gli addetti a lavorazioni che ?comunque espongano ad inalazioni di polvere di amianto? (vedi la tab. 8 del d.p.r. 30.6.1965, n. 1124 e il d.m. 13.4.1994, n. 336). LaPrevidenza.it, 19/09/2005
Corte di Appello di Firenze, Sentenza 555/2004
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/10/2005 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF