Sei in: Home » Articoli

Maggiorazione 18% su assegno funzionale legge 472/87

L'ssegno funzionale di cui alla legge 472/87 non rientra e non può essere considerato nella base retributiva da utilizzare per il calcolo della pensione. L'art.16 della legge n.177/1976, che ha sostituito l'art.53 del DPR n.1092/1972, dispone : ?Ai fini della determinazione della misura del trattamento di quiescenza del personale miltare ?? la base pensionabile, costituita dall'ultimo stipendio o dall'ultima paga e dagli assegni o indennnità pensionabili sottoindicati, intgralmente percepiti, è aumentata del 18%?. Gli assegni indicati sono l'indennità di funzione per i generali di brigata ed i colonnelli, l'assegno perequativo e l'assegno personale, previsti da particolari disposizioni di legge richiamate espressamente.
Il penultimo comma dell'art. 16 precisa ?Agli stessi fini, nessun altro assegno o indennità, anche se pensionabili, possono essere considerati se la relativa disposizione di legge non ne prevede espressamente la valutazione nella base pensionabile?. L'assegno funzionale, che è oggetto del giudizio attuale, è stato previsto dalla legge già citata n.472/1987, che lo qualifica come pensionabile e espressamente, all'art.6, comma 4, ha disposto che si aggiunge ?alla retribuzione individuale di anzianità?. La costante giurisprudenza in senso negativo è oramai da considerarsi univoca nel proporre il diniego dei ricorsi (Ludovico Adalberto De Grigiis).
Corte dei Conti Marche, Sentenza 30 novembre 2004 n° 1083
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/01/2005 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF