Sei in: Home » Articoli

La necessità di motivare la cartella di pagamento della Tares

La necessità di motivare la cartella di pagamento della Tares
La cartella di pagamento contenente il ruolo Tares deve essere sempre motivata. 
Infatti, ad essa sono applicabili i principi generali circa l'obbligo di motivazione dei provvedimenti amministrativi. Inoltre, non è sufficiente un generico richiamo alla tariffa applicata se nell'atto vi sono espressioni numeriche con calcoli matematici incomprensibili. Infine, la tariffa Tares deve coprire i costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani ed il Comune è sempre obbligato a dimostrare che i costi addebitati siano congrui. Questo è quanto ha stabilito la Commissione Tributaria Provinciale di di Lecce con la Sentenza n. 1891-02-15, depositata lo scorso 1° giugno.

Un Comune, attraverso il concessionario della riscossione, notifica per l'anno d'imposta 2013 a una Srl svolgente attività alberghiera, un ruolo di oltre 85mila euro riguardante la Tares.

L'albergo si oppone alla pretesa davanti al giudice eccependo, preliminarmente, l'annullamento della stessa per difetto di motivazione e, nel merito, per l'illegittimità della tariffa applicata. 

Il Comune si costituisce in giudizio ma il giudice, condividendo la tesi della contribuente, accoglie il ricorso proposto in base a tre distinti motivi: la carenza di motivazione, la nullità della cartella di pagamento poiché il ruolo Tares non è mai stato notificato alla società e la mancata dimostrazione, da parte del Comune, della congruità della tariffa in oggetto a coprire i costi per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani relativi al 2013.
(19/06/2015 - A.V.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
RC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziereRC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziere
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF